Agrigento, tuona Spataro: rischio default, conti ancora in rosso e disattese le prescrizioni della Corte dei Conti

Il comunicato stampa a firma del consigliere Spataro ci lascia esterrefatti. Si diffonde l’allarme generale su una situazione che si pensava potesse essere corretta. Invece ci sembra di capire, se non dovesse arrivare la smentita ufficiale che speriamo compaia, che c’è veramente qualcuno che non ama questa città. Speriamo nella smentita, perché altrimenti considerato il rigore e la correttezza della Procura della Corte dei Conti, non sarà lasciato più alcun margine per evitare il dissesto. Ci sorprende che a lanciare l’allarme sia solo un consigliere comunale che, rompe il silenzio più totale delle forze sociali e sindacali, che dovrebbero essere i primi ad intervenire. Di seguito il comunicato integrale:

Domani Agrigento potrebbe ricevere il titolo di Capitale della Cultura Italiana 2020, ma ieri, lontano dai riflettori, si è consumata infruttuosamente un’altra, forse, più importante scadenza, il cui risultato rischia di produrre  effetti nefasti per il Comune e per l’intera città”.  Il consigliere di Aula Sollano, Pasquale Spataro, torna a lanciare l’allarme sui conti di Palazzo dei Giganti dopo il nulla di fatto da parte dell’amministrazione Firetto rispetto al termine ultimo fissato dalla Corte dei Conti in ordine alla presentazione delle misure correttive.

“I magistrati contabili, tenuto conto del silenzio quasi tombale proveniente dal governo locale,  indifferente sul terreno della messa in sicurezza del quadro economico dell’ente – spiega Spataro – il 14 dicembre, sempre in riferimento alle gravi criticità del bilancio, hanno stabilito un tempo di 60 giorni per la predisposizione degli interventi da calare nello strumento finanziario, condizione necessaria per rientrare nei parametri indicati in modo da allontanare lo spettro del dissesto.  Ieri, 14 febbraio, è scattato il semaforo rosso, ma nessun provvedimento, neanche alla luce delle recenti e puntuali  prescrizioni del collegio dei revisori, è stato adottato dall’amministrazione. Questa è la cruda e nuda realtà che avvolge il Comune di Agrigento, la cui azione è stata sottoposta a limitazione delle spese essenziali, anche se incomprensibilmente saltano agli occhi costi per prestazioni non proprio prioritarie. Salvo poi registrare il vuoto dirigenziale al vertice del settore dei Lavori Pubblici, la cui guida è affidata ad interim al responsabile dell’Ufficio Finanziario.

Insomma – osserva ancora Spataro – a Palazzo dei Giganti si muovono dinamiche  non sempre lineari e non sempre nel segno della coerenza. Se il sindaco e la giunta avessero profuso lo stesso impegno, la stessa efficienza e la stessa puntualità, riservate  per la candidatura di Agrigento Capitale della Cultura, il Comune oggi non sarebbe certamente a serio rischio default.  Ma si sa, le Amministrazioni targate Firetto – conclude Spataro – si preoccupano più dell’estetica, dell’immagine che non della sostanza, delle cose concrete, favorite, nel disastro, anche da una classe politica agrigentina distratta e non connessa  al territorio.

LEGGI ANCHE 

Agrigento, la Corte dei Conti boccia i conti del Comune