Agrigento, perde il cellulare ed il padre lo picchia: il racconto di un bambino

E’ un racconto choc quello di un bambino di cinque anni, figlio di una coppia di agrigentini, che davanti al gip Stefano Zammuto, ha raccontato di essere stato preso a calci e pugni dal padre per aver perso il cellulare.

Il bambino era stato affidato al padre nel periodo estivo per problemi di salute della madre e la vicenda risale al periodo di luglio. Ad accorgersi dei traumi riportati, è stata proprio la madre, che avrebbe portato in ospedale il figlio al quale sarebbero stati riscontrati lividi guaribili in sei giorni e diversi traumi.

Da qui la decisione di denunciare l’uomo,  sotto inchiesta per l’accusa di lesioni aggravate.

Adesso sarà la neuropsichiatra infantile Marta Calderaro ad occuparsi dell’attendibilita’ dei fatti raccontati dal piccolo. La visita si terrà il 19 novembre prossimo.