Agrigento, nasconde cellulare nel bagno delle donne per riprenderle: nei guai informatore medico

La Squadra Mobile di Agrigento ha deferito un 44enne di Palermo per il reato di interferenza illecita nella vita privata. Le indagini espletate dagli agenti hanno consentito di accertare, a seguito della  richiesta di intervento della parte offesa, che il palermitano nell’espletamento della propria attività di informatore medico scientifico, trovandosi per motivi attinenti alla propria attività, all’interno di uno studio medico, intenzionalmente avrebbe lasciato all’interno del bagno di quella struttura medica, un cellulare, cercando di nasconderlo il più possibile, in modalità di registrazione con le finalità di riprendere il personale femminile che utilizzava tale servizio igienico.

I poliziotti intervenuti immediatamente sul posto, nell’immediato riuscivano a rintracciare ed individuare il soggetto, che  ancor prima dell’arrivo della polizia si era allontanato dallo studio medico. Lo stesso veniva poi condotto presso gli Uffici della Questura di Agrigento, nel corso del quale, oltre alle contestazioni di reato a suo carico, i poliziotti procedevano al sequestro del cellulare che, previa autorizzazione dell’A.G., verrà sottoposto alle verifiche del caso.