Agrigento, Firetto: asfaltiamo le strade grazie al Giro d’ Italia

“La soluzione sarebbe stata rinunciare a opere di manutenzione stradale per circa 850 mila euro”. Queste le parole del sindaco Calogero Firetto a seguito dei disagi alla circolazione causati dai lavori di scarificazione e bitumatura  in città .” Si tratta dei lavori di rifacimento del manto stradale nei tratti che saranno attraversati dalla seconda tappa del Giro d’Italia domenica 4 ottobre. Alla Regione era stata avanzata richiesta di sistemazione delle strade per il Giro che sarebbe passato il 12 maggio, se non fosse stato per l’emergenza Covid 19 e il conseguente lockdown che hanno fatto slittare tutto. I lavori sono stati avviati in questi giorni, proprio a ridosso della riapertura dell’anno scolastico, già complessa per le ragioni note a tutti di adeguamento alle norme anti-Covid. Non credo che i disagi di stamattina siano stati volutamente procurati a danno del sindaco in campagna elettorale, però è vero che come in tutte le circostanze in cui avviene l’imponderabile la colpa è sempre del Governo o del sindaco. In questo caso, con gli uffici abbiamo valutato i pro e i contro e scelto di non far perdere alla città l’opportunità di questo finanziamento. Si tratta di un disagio limitato a qualche giorno, a fronte di lavori che garantiscono migliore viabilità e  maggiore sicurezza. Avrebbero potuto lavorare in notturna? Probabile. Ma con costi che evidentemente non sono stati previsti e chi ne paga le conseguenze è poi la collettività. Prossimi lavori con un finanziamento nazionale che abbiamo ottenuto riguarderanno la corsia a monte del lungomare. A poco a poco, pian piano tutte le strade saranno rimesse a posto. La città ne ha estremamente bisogno”.