La Fortitudo ha un cuore grande: al PalaMoncada regola Rieti 70 a 66

Torna a muovere la classifica la Fortitudo Agrigento che, dopo tre ko consecutivi, al PalaMoncada, riprende feeling con la vittoria sconfiggendo la NPC Rieti con il punteggio di 70 a 66.

Trascinata da un sontuoso Cannon autore di 15 punti e 14 rimbalzi e dalla pattuglia “terribile” di guardie in maglia biancazzurra (Ambrosin 12, Sousa 12, Bell 10 e Pepe 10) gli uomini di coach Franco Ciani vincono una partita ad altissimo quoziente di difficoltà e risoltasi solamente nei minuti finali dell’ultimo quarto.

Avvio di gara tutto di marca amaranto-celeste, gli ospiti si confermano davvero solidi in difesa togliendo spazio e idee ai biancazzurri costretti a forzare le conclusioni e così chiudono la prima frazione sotto di 7 (9 – 16).

La squadra di coach Franco Ciani ricuce lo strappo nel secondo quarto sfruttando al meglio la vena realizzativa di Simone Pepe; la guardia pescarese piazza un paio delle sue triple coadiuvato anche da Cannon e di fatto, la partita cambia volto, anche se gli ospiti chiudono la prima parte di gara avanti (33 – 30).

In avvio di terza frazione arriva il pareggio a quota 33 grazie ad una tripla di Sousa; Rieti tuttavia c’è e con un ottimo Adegboye coadiuvato da Tomasini e Conti si porta nuovamente avanti (+5) a metà frazione (38 – 43).

Ma è Sousa l’uomo del momento: una tripla e un viaggio dalla lunetta dell’ala brasiliana valgono ancora il pareggio a quota 43 e con Cannon arriva anche il vantaggio. La partita si infiamma e le due squadre si battono punto su punto chiudendo la terza frazione in perfetta parità (49 – 49). Nell’ultimo quarto gli ospiti prendono nuovamente in mano le redini del match grazie alla vena realizzativa di Adegboye (15 punti) ben coadiuvato da Conti (13 punti) per il nuovo vantaggio (+4) a due minuti dalla sirena.

I padroni di casa, però, non mollano di un millimetro: una tripla di Ambrosin e poi Cannon riducono lo strappo ad un solo possesso a 40 secondi dal termine seguito da una tripla incredibile di Bell con il fallo supplementare che spostano il match in direzione dei biancazzurri che alla fine si aggiudicano il match con il punteggio di 70 a 66.

Per i biancazzurri domenica dell’Epifania in campo, a Siena, per l’ultima partita del girone d’andata, poi sarà di nuovo tempo di derby per la prima partita del girone di ritorno in casa dell’Orlandina.

M Rinnovabili Agrigento: Jalen Cannon 15 (6/11, 1/4), Lorenzo Ambrosin 12 (1/7, 2/6), Dimitri Sousa 12 (2/6, 2/6), Amir Bell 10 (3/5, 1/2), Simone Pepe 10 (2/4, 2/3), Edoardo Fontana 5 (1/4, 0/1), Tommaso Guariglia 4 (2/5, 0/2), Marco Evangelisti 2 (1/2, 0/2), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Giacomo Zilli 0 (0/0, 0/0), Paolo Nicoloso 0 (0/0, 0/0), Paolo nello Trupia 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 12 – Rimbalzi: 36 16 + 20 (Jalen Cannon 14) – Assist: 13 (Jalen Cannon 4)
Zeus Energy Group Rieti: Ogooluwa Adegboye 15 (3/5, 2/3), Alberto Conti 13 (2/2, 3/4), Angelo Gigli 10 (5/5, 0/1), Simone Tomasini 9 (2/3, 1/6), Bobby Jones 6 (3/4, 0/2), Giovanni Carenza 5 (0/0, 1/5), Federico Bonacini 4 (2/2, 0/4), Aleksa Nikolic 4 (2/4, 0/0), Juan marcos Casini 0 (0/1, 0/2), Leonardo Berrettoni 0 (0/0, 0/0), Edoardo Moretti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 7 / 8 – Rimbalzi: 28 2 + 26 (Angelo Gigli 7) – Assist: 11 (Ogooluwa Adegboye 4)

M Rinnovabili Agrigento – Zeus Energy Group Rieti 70-66 (9-16, 21-17, 19-16, 21-17)