Adinolfi ad Agrigento: grandi manovre per il radicamento del PdF

Nota stampa – Il leader del Popolo della famiglia ad  Agrigento, con molta probabilità il 21 dicembre nel pomeriggio. Una presenza importante per un partito che si vuole radicare nel territorio ed a livello territoriale, Regionale, Nazionale ed Europeo. Il gruppo locale si prepara all’evento ed alle elezioni con i suoi rappresentanti nazionali il coordinatore provinciale Sergio Coniglio, Sandro Ficarra, Ilaria Sorrentino e Laura Terrana Ravanusana,  però vive a Roma. Lunedì 26.11, alle ore  18:00 è prevista  la 1^ riunione del Popolo della Famiglia presso i locali della scuola paritaria Ancelle Riparatrici e sede FISM di Agrigento. Nell’incontro verranno esposti vari punti riguardanti : la formazione e comunicazione, degli ultimi avvenimenti Camaldoli 22-23 settembre e Roma 17 ottobre. L’ incontro con la Chiesa della ns Arcidiocesi per far conoscere e presentare  il PdF, la preparazione evento Mario Adinolfi ad Agrigento per Dicembre, la raccolta firme per disegno di legge reddito di maternità,  lista candidati elezioni europee e raccolta firme.

Il Popolo della famiglia nasce l’11 marzo 2016:  Mario Adinolfi e Nicola Di Matteo. Il  partito ispirato ai valori cristiani, nato dalla necessità di dare una rappresentanza politica a tutte le persone che parteciparono ai Family Day in Piazza San Giovanni il 20 giugno 2015 e al Circo Massimo il 30 gennaio 2016. Mario Adinolfi venne nominato Presidente del nuovo partito, Amato ne divenne segretario mentre Di Matteo ne divenne coordinatore.

Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana (che mette al centro la dottrina sociale della Chiesa), aperto ai non credenti e alle altre confessioni religiose che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita (dal concepimento alla morte naturale), la centralità della famiglia, come stabilito dall’articolo 29 della Costituzione (“la famiglia come prima comunità naturale basata sul matrimonio”), il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. La fede cristiana, oltre ad essere una scelta spirituale individuale è il fondamento della identità storica e culturale italiana ed europea; la famiglia (la sua storia, i suoi diritti e i suoi doveri) è la chiave delle risposte e ricette politiche del Popolo della Famiglia, il Pdf è erede della grande tradizione del Partito Popolare di Don Sturzo, che ha dato vita dopo la seconda guerra mondiale alla esperienza politica democratico-cristiana e dopo la frammentazione dei cattolici, si dono visti riuniti naturalmente nel Family Day (i milioni di cittadini figli orfani di rappresentanza, che hanno manifestato contro il Ddl Cirinnà sulle unioni civili). Il Pdf, esaurita la strategia “dei credenti nei vari partiti”, dato il suo oggettivo fallimento in termini legislativi e sociali (non ha bloccato il processo di laicizzazione del Paese), è fermamente convinto che sia tornata l’ora di riunire tutti i credenti “in un unico soggetto politico”.  Il Popolo della Famiglia intende costruire in Italia una grande “resistenza popolare” contro le leggi liberticide, contrarie al diritto naturale (le adozioni gay, i matrimoni egualitari, il gender nelle scuole, la liberalizzazione di qualsiasi droga, l’eutanasia etc), che i governi di centro-sinistra con la complicità dell’attuale centro-destra, hanno varato. Siamo in una Repubblica parlamentare e le cattive leggi fanno costume, incidono nella vita dei nostri figli.

– Il Pdf mira a superare i vecchi schemi destra-sinistra e le ideologie ottocentesche, non più in grado di rappresentare le aspirazioni dei popoli. Oggi la battaglia vera è tra il falso e il vero, il bene e il male, la cultura della vita e la cultura di morte; tra la visione antropologica, insomma, di chi trasforma la persona in cosa e chi continua a considerare la persona depositaria di una dignità intangibile dal momento del concepimento fino alla morte naturale. Non è un caso che un italiano su due non vota, abbiamo il 24% dei disoccupati, sette milioni di depressi, aumenta il consumo di droghe e le persone sono sempre più sole (otto milioni di single). Occorre offrire un’alternativa politica totale di civiltà e non di falso mito del progresso infinito, di un modo finito una società naturale piuttosto che innaturale.

Prima la famiglia: diritto universale a nascere, diritto ad avere una mamma e un papà, diritto al sostegno dei più deboli (bambini, anziani, disabili, malati), diritto a non emigrare. Famiglia come chiave delle proposte politiche. In famiglia si vivono quei valori di protezione, sicurezza, vita, accoglienza, identità, solidarietà, sussidiarietà, che vanno difesi e affermati nella società. Puntare sulla famiglia e sui figli, significa far ripartire l’economia, creare ricchezza e lavoro. È una grande rivoluzione culturale, economica e antropologica. I principi non negoziabili vanno reintrodotti e riaffermati nel dibattito politico. Sono priorità legislative e valoriali.

Oggi la “questione antropologica”: è La questione. La denatalità, certificata da tutte le statistiche, che condanna gli italiani all’estinzione, non si combatte con elemosina di Stato o con mere enunciazioni di principio. Ci vogliono soluzioni ad hoc. E idee realmente alternative all’attuale cultura di morte mascherata da pulsione amorevole e compassionevole.
Ecco i punti cardine:

“Di mamma ce ne è una sola, di padre pure” – Abrogazione della Legge Cirinnà – No adozioni gay- No utero in affitto – No ai matrimoni egualitari – Abrogazione della legge sul Testamento biologico (Dat)

– Riconoscimento della capacità giuridica del concepito – Riconoscimento del “Comfort Care”, da parte del Servizio Sanitario Nazionale, in alternativa al cosiddetto aborto terapeutico – Riconoscimento pubblico della Funzione sociale dei centri e servizi di aiuto alla vita – Investimento sulle cure palliative e sulla terapia del dolore,- Seppellimento dei bambini non nati
ECONOMIA

FAMIGLIA COME IMPRESA ECONOMICA DOMESTICA E PUBBLICA

“La famiglia è un’impresa, (ma) ne vale la pena”, vediamo il perché;

– Istituzione di una Commissione interministeriale permanente sulla famiglia;

– Abrogazione dell’Unar con dirottamento dei fondi al Reddito di Maternità;

– Reddito di Maternità (1000 euro al mese per le donne italiane che si dedicano in via esclusiva alla vita familiare e alla crescita dei figli);

– Reddito Complessivo Familiare, diviso per quoziente;

– Partita-Iva per la Famiglia (scarico dei costi);

– Defiscalizzazione degli oneri familiari solo per Famiglie con persone non autosufficienti a carico;

– Tutela fiscale e finanziaria delle Piccole e medie imprese famigliari;

– Tutela del Made in Italy, etichetta “Total Made in Italy”;

– Prestito d’onore per la Costituzione di nuove imprese da parte di under 35;

– Defiscalizzazione delle imprese che formano e assumono nelle aree disagiate o soggette a calamità naturali;

– Tutela dei risparmiatori, inasprimento delle pene per reati di usura e bancari;

– Lotta all’evasione fiscale per recuperare i 132 miliardi annui sottratti all’erario;

– Tutela del commercio;

– Tutela dei consumatori;

3) SCUOLA

“… di padre in figlio”.

– Contrasto all’ideologia gender in qualsiasi forma venga introdotta nei programmi scolastici;

– Reale parificazione delle scuole non statali con applicazione del costo standard e dei buoni scuola;

– Rivalutazione economica e professionale degli insegnanti, in primis quelli di sostegno;

– Reintroduzione dell’Educazione civica come disciplina obbligatoria negli istituti medi superiori;

4) INFANZIA-GIOVANI

FAMIGLIA COME BENE

“… il vero stupefacente sei tu”.

– Lotta alle dipendenze. Contrasto alla ludopatia e al gioco d’azzardo;

– Contrasto alla pornografia, alla pedo-pornografia e obbligo di registrazione con documento, per l’accesso ai siti pornografici;

– Lotta a tutte le droghe: abolizione del concetto di lieve entità e di droghe leggere;

– Pene civiche non più discrezionali per i reati di bullismo, teppismo o legati all’uso di alcol e di droghe;

5) CASA

FAMIGLIA COME RADICI;

“Abito quindi sono”.

– Priorità per le famiglie numerose italiane nell’assegnazione di alloggi pubblici e alle giovani famiglie, con stanziamento di un Fondo di Garanzia pubblico per i mutui per le coppie sposate under 35;

– Impignorabilità totale della prima casa;

– Misure fiscali per favorire la residenza in prossimità del luogo di lavoro;

6) LAVORO

FAMIGLIA COME SUSSIDIARIETA’ E PARTECIPAZIONE.

“Il vero profitto è la dignità del lavoratore”.

– Revisione integrale del Jobs Act (Riduzione dei casi di licenziabilità);

– Contrasto alle forme di precarizzazione del lavoro;

– Aumento degli importi erogati e dei limiti di reddito relativi a pensioni di invalidità, accompagnamento, indennità e assegni;

– Chiusura notturna e festiva degli esercizi commerciali.

7) SANITA’

FAMIGLIA COME SOLIDARIETA’

“Nessuno sarà più solo”

– Libertà di cura e abrogazione della Legge Lorenzin;

– Costi standard;

– Investimenti per una Sanità di qualità;

– Risorse a favore di anziani e disabili;

– Assistenza e cura dei malati terminali;

– Potenziamento dei fondi pubblici destinati alla ricerca scientifica delle malattie rare e patologie tumorali;

8) IMMIGRAZIONE

FAMIGLIA COME IDENTITA’

“Diritto a non emigrare”.

– Accordi bilaterali con i Paesi di provenienza dei migranti;

– Accoglienza sostenibile, no Ius soli;

– Riduzione drastica dei flussi migratori;

– Chiusura immediata dei Centri di Assistenza Rifugiati;

– Nuova Cittadinanza e integrazione di qualità;

9) SICUREZZA-LEGALITA’

FAMIGLIA COME PROTEZIONE.

“Intolleranza zero”

– Riqualificazione del Comparto Sicurezza e Difesa Nazionale con aumento dei salari dei componenti delle Forze dell’Ordine;

– Contrasto severo alle attività della criminalità organizzata, non solo nel Meridione d’Italia

– Riconoscimento pieno della legittima difesa presunta, in caso di attacco all’abitazione familiare

– Istituzione delle Volanti fisse nei quartieri a più alta densità criminale

10) EUROPA

FAMIGLIA COME STORIA

“Un’Europa veramente a 12 stelle”

– Unione Europea come Nuova Libera Associazione di Stati indipendenti e sovrani

– Reintroduzione nel preambolo della Costituzione europea delle radici cristiane

– Ius europeo

– Sovranità nazionale ed economica

– Rifondazione della nuova Europa a partire dal diritto universale a nascere

– Valorizzazione nel prossimo Accordo di partenariato 2021-2027 (che potrà valere complessivamente circa 45 mld) di obiettivi e priorità che sostengano la famiglia, per la realizzazione di concreti interventi a favore del territorio e dei cittadini (infrastrutture, ma anche istruzione, formazione, occupabilità);

– Promozione e diffusione della progettazione europea, incentivando il partenariato tra tutte le espressioni della società civile, associazioni familiari comprese;

– Politica ambientale europea

– Istituzione delle zone franche della Sardegna previste dal decreto legislativo n.75/1998, in adempimento all’articolo 243 del codice doganale europeo.

 

“… di padre in figlio”

– Contrasto all’ideologia gender in qualsiasi forma venga introdotta nei programmi scolastici

– Reale parificazione delle scuole non statali con applicazione del costo standard e dei buoni scuola

– Rivalutazione economica e professionale degli insegnanti, in primis quelli di sostegno

– Reintroduzione dell’Educazione civica come disciplina obbligatoria negli istituti medi superiori

4) INFANZIA-GIOVANI

FAMIGLIA COME BENE

“… il vero stupefacente sei tu”

– Lotta alle dipendenze. Contrasto alla ludopatia e al gioco d’azzardo

– Contrasto alla pornografia, alla pedo-pornografia e obbligo di registrazione con documento, per l’accesso ai siti pornografici

– Lotta a tutte le droghe: abolizione del concetto di lieve entità e di droghe leggere

– Pene civiche non più discrezionali per i reati di bullismo, teppismo o legati all’uso di alcol e di droghe

5) CASA

FAMIGLIA COME RADICI

“Abito quindi sono”

– Priorità per le famiglie numerose italiane nell’assegnazione di alloggi pubblici e alle giovani famiglie, con stanziamento di un Fondo di Garanzia pubblico per i mutui per le coppie sposate under 35

– Impignorabilità totale della prima casa

– Misure fiscali per favorire la residenza in prossimità del luogo di lavoro

6) LAVORO

FAMIGLIA COME SUSSIDIARIETA’ E PARTECIPAZIONE

“Il vero profitto è la dignità del lavoratore”

– Revisione integrale del Jobs Act (Riduzione dei casi di licenziabilità)

– Contrasto alle forme di precarizzazione del lavoro

– Aumento degli importi erogati e dei limiti di reddito relativi a pensioni di invalidità, accompagnamento, indennità e assegni

– Chiusura notturna e festiva degli esercizi commerciali

7) SANITA’

FAMIGLIA COME SOLIDARIETA’

“Nessuno sarà più solo”

– Libertà di cura e abrogazione della Legge Lorenzin

– Costi standard

– Investimenti per una Sanità di qualità

– Risorse a favore di anziani e disabili

– Assistenza e cura dei malati terminali

– Potenziamento dei fondi pubblici destinati alla ricerca scientifica delle malattie rare e patologie tumorali

8) IMMIGRAZIONE

FAMIGLIA COME IDENTITA’

“Diritto a non emigrare”

– Accordi bilaterali con i Paesi di provenienza dei migranti

– Accoglienza sostenibile, no Ius soli

– Riduzione drastica dei flussi migratori

– Chiusura immediata dei Centri di Assistenza Rifugiati

– Nuova Cittadinanza e integrazione di qualità

9) SICUREZZA-LEGALITA’

FAMIGLIA COME PROTEZIONE

“Intolleranza zero”

– Riqualificazione del Comparto Sicurezza e Difesa Nazionale con aumento dei salari dei componenti delle Forze dell’Ordine

– Contrasto severo alle attività della criminalità organizzata, non solo nel Meridione d’Italia

– Riconoscimento pieno della legittima difesa presunta, in caso di attacco all’abitazione familiare

– Istituzione delle Volanti fisse nei quartieri a più alta densità criminale

10) EUROPA

FAMIGLIA COME STORIA

“Un’Europa veramente a 12 stelle”

– Unione Europea come Nuova Libera Associazione di Stati indipendenti e sovrani

– Reintroduzione nel preambolo della Costituzione europea delle radici cristiane

– Ius europeo

– Sovranità nazionale ed economica

– Rifondazione della nuova Europa a partire dal diritto universale a nascere

– Valorizzazione nel prossimo Accordo di partenariato 2021-2027 (che potrà valere complessivamente circa 45 mld) di obiettivi e priorità che sostengano la famiglia, per la realizzazione di concreti interventi a favore del territorio e dei cittadini (infrastrutture, ma anche istruzione, formazione, occupabilità);

– Promozione e diffusione della progettazione europea, incentivando il partenariato tra tutte le espressioni della società civile, associazioni familiari comprese;

– Politica ambientale europea

– Istituzione delle zone franche della Sardegna previste dal decreto legislativo n.75/1998, in adempimento all’articolo 243 del codice doganale europeo.

Agrigento li, 15.11.2018

Il coordinatore del PdF della Provincia di AGRIGENTO

Sergio Coniglio