6 film classici di James Bond che resistono alla prova del tempo

Ora che Daniel Craig è arrivato alla fine del suo mandato come famoso agente segreto, vale la pena fare una retrospettiva di alcune delle prime uscite di Bond. Alcune sono invecchiati male mentre altre sembrano del tutto assurde nel contesto contemporaneo, ma alcune rimangono dei classici. Facciamo un giro sul viale dei ricordi ed esploriamo alcuni dei più bei momenti di 007.

 

#1 Moonraker (1979)

 

Generalmente criticato all’epoca per la sua trama esagerata e spaziale, Moonraker sembra improvvisamente più rilevante che mai. La storia coinvolge un miliardario squilibrato (Huge Drax) e traccia i suoi tentativi di costruire una nuova civiltà nello spazio. Temi come la privatizzazione della corsa allo spazio, veicoli spaziali canaglia e il desiderio di rimodellare la terra per pochi assumono una nuova risonanza nella nostra epoca attuale. Alcuni degli effetti (in particolare i laser) non reggono altrettanto bene, ma il viaggio di Bond nello spazio su un razzo privato è più emozionante che mai. Il film presenta anche Jaws, uno degli antagonisti più popolari della serie.

 

#2 Dalla Russia con amore (1963)

 

Nonostante la sua età, Dalla Russia con amore funziona ancora incredibilmente bene. È uno dei profili più bassi della serie e non sembra affatto un film di Bond. Non ci sono troppe grandi scene d’inseguimento, ci sono poche esplosioni e nemmeno molti altri effetti. Sembra piuttosto un classico caper movie, “film da colpo grosso” della Guerra Fredda. Bond è incaricato di portare un dispositivo di codifica (insieme a una spia russa disertrice) oltre il confine e in Occidente. Gran parte dell’azione si svolge a bordo di un treno e gli stretti confini e le angolazioni della telecamera sono estremamente tesi. Come opera cinematografica ormai classico dello spionaggio, From Russia With Love è un film al cardiopalma che è altrettanto emozionante rivedere oggi. 

 

#3 Dr No (1962)

 

Un altro classico (e un’altra apparizione di Sean Connery) da mettere in lista, Dr No resiste principalmente grazie alla sua ambientazione esotica e alle scene glamour che conferiranno il tono ai film successivi. La prima scena del casinò con un Bond in smoking e una partita a Chemin de Fer ha fatto miracoli nell’affermare il personaggio di 007. Questa scena del casinò ha generato centinaia di imitatori e probabilmente ha tentato molti aspiranti Bond a provare giochi come la roulette online. Altri punti salienti sono il viaggio di 007 sull’isola tropicale di Dr No, la nota apparizione di Ursula Andress dal mare e le scene della battaglia finale.

 

#4 The Living Daylights (1987)

 

Timothy Dalton ha fatto solo due film di James Bond, ma Living Daylights si distingue dagli altri della serie per la sua cupa visione delle lotte geopolitiche. Il Bond di Dalton ha un tono sostanzialmente più cupo rispetto al suo predecessore e così di conseguenza si svolge il film. Questo è quanto di più simile a un film di James Bond all’insegna della grinta, e tra i luoghi troviamo la Germania orientale dell’era sovietica e l’Afghanistan. Forse non ha il cattivo più memorabile, ma la relativa mondanità di Koskov e il desiderio di denaro piuttosto che di potere lo rendono più umano, e quindi più spaventoso. Se i successivi film di Roger Moore su Bond tendevano alla stravaganza, The Living Daylights torna con un bel tonfo sulla terra.

 

#5 La spia che mi amava (1977)

 

Generalmente considerato come il miglior ingresso di Roger Moore nella serie, La spia che mi amava ha tutto: umorismo, azione e più di un pizzico di romanticismo. La fitta trama della competizione tra sovietici e occidentali (ed eventuale cooperazione) è avvincente, e Barbara Bach interpreta la controparte di 007 in modo convincente. Ci sono anche alcuni luoghi sontuosi, tra cui le rovine egiziane e le Alpi svizzere.

#6 Il domani non muore mai (1997)

 

Una delle aggiunte più moderne, Tomorrow Never Dies ha una risonanza più agghiacciante oggi rispetto a quando è uscito alla fine degli anni ’90. L’antagonista del film controlla i media mondiali e quindi l’informazione. È così deciso a dominare l’era dei media che si allontana dal riportare le notizie per crearle davvero, ingegnando catastrofi e violenza in tutto il mondo. I temi degli imperi mediatici, dell’agitazione politica e delle corporazioni canaglia che operano oltre i confini del controllo formale sono più attuali che mai.