5 consigli per essere al sicuro online

Chi è più avvezzo alle dinamiche tecnologiche sa bene quanto la nostra sicurezza e la privacy siano a rischio ogni volta che navighiamo in Internet. Ecco cosa fare per difenderci come si deve.

 

Ci possono essere diverse minacce che mettono a repentaglio la propria sicurezza e la “salute” dei nostri dispositivi. Ogni volta che ci connettiamo a Internet, attraverso console o altri device come smartphone, tablet e PC, anche la privacy è messa a repentaglio.

Insomma, stiamo parlando di un luogo aperto a tutti, ossia un vero e proprio World Wide Web, una rete mondiale in cui esistono una miriade di figure che sono interessate ad acquisire informazioni e quindi a far cadere nella trappola noi o qualcuno a noi caro.

 

Come ci si fa a difendere da situazioni del genere? Be’, molto semplicemente adottando misure di sicurezza idonee, che migliorano la nostra sicurezza in Rete, come per esempio server NAS (su https://nafura.it ne potrete trovare diversi). In ogni caso, ecco cinque consigli che vi torneranno utili per essere sempre più protetti quando navigate su Internet.

 

#1 Password su misura

Sebbene per alcuni possa risultare quasi scontato, il primo passo per migliorare notevolmente la sicurezza dei nostri dati e quindi la propria privacy è quello di usare password efficienti ed efficaci. Su Internet si possono trovare diversi software che permettono di creare credenziali di accesso difficili da hackerare.

Un esempio? Le migliori sono le così chiamate “passphrase”, ossia delle password composte da più codici alfanumerici, lunghi e corti, complessi e articolati.

In tutto ciò, è naturale dover considerare anche un altro aspetto, ossia la possibilità non troppo remota di perderle tutte, perché troppo difficili da ricordare.

Ma anche in questo caso, viene in soccorso un software importantissimo, ovvero il “password manager” di uno dei principali antivirus in commercio.

 

#2 Antivirus

Anche qui, i più esperti potrebbero storcere il naso, affermando che oggigiorno è assurdo se non impossibile non possederne uno. Stiamo parlando proprio dell’antivirus, di cui abbiamo accennato anche nel paragrafo precedente. Per molti navigatori appare quasi inutile dover pagare per l’installazione di un software di sicurezza del genere. Ma niente preoccupazioni, perché su Internet si possono trovare soluzioni anche gratuite e parimenti efficienti e pratiche da utilizzare.

I malware purtroppo si possono nascondere ovunque, anche banalmente in pubblicità di portali web che sembrano sicuri. Per questo è sempre bene prevenire invece che curare, dopo aver perso tutti i dati che ci riguardano.

 

 

#3 Autenticazione doppia

Che sia su Instagram, Facebook, TikTok oppure per una delle nostre caselle di posta elettronica, la regola vale sempre: attiva l’autenticazione a due fattori e non vedrai l’ombra di problemi di sicurezza. Certo, per non rischiare che le proprie informazione vengano rubate all’interno del proprio profilo personale, è sempre bene prestare maggiore attenzione.

In questo modo, qualsiasi cracker (che a differenza degli hacker eseguono tecniche danneggianti) non riuscirà a scoprire la nostra password. O almeno noi ne verremo a conoscenza, grazie all’invio di un SMS di avviso e accettazione ogni volta che si effettua un accesso.

 

 

#4 Occhio al Wi-Fi

Quando si va in biblioteca per studiare o per lavorare, oppure si cerca una connessione di rete stabile su un bus durante un viaggio, si va incontro a potenziali rischi. Infatti, la connessione Internet aperta alla gran parte degli utenti, è un tipo di rete non protetta.

Ciò significa che qualunque cracker o malintenzionato potrebbe intercettare la vostra trasmissione dei dati e appropriarsi facilmente, per esempio, delle credenziali del vostro conto corrente. Il nostro consiglio è quello di limitare l’accesso a reti Wi-Fi pubbliche, o almeno di utilizzare sistemi VPN che proteggono quasi al 100%.

 

#5 Attacchi via mail

Uno dei metodi più vecchi e utilizzati dai malintenzionati per ottenere i vostri dati personali e le password è quello di immettere malware e ransomware attraverso le mail. Infatti, non è così difficile scaricare un virus attraverso un semplice clic su un link o un allegato.

E ovviamente, in tutto questo, non basta fare attenzione a chi è il mittente della mail, perché gli attacchi di phishing e le truffe sono all’ordine del giorno, e ormai sempre più mascherate.

Per esempio, potrebbero agganciarsi anche al contatto di un vostro parente o di un amico, e quindi riuscire a entrare nel vostro PC o smartphone.

La soluzione? Usare sempre uno scanner dell’antivirus prima di fare clic su collegamenti provenienti dalla posta elettronica, quindi anche in caso di download.