Akragas, Tirri: “Per battere il Catania occorrono cuore e grinta”. Intanto chiede chiarezza

Verso Akragas – Catania. Tirri parla della partita e delle sue dimissioni

DOMENICO VECCHIO

«È una partita sentita da tutti, dobbiamo fare del nostro meglio per raggiungere un risultato positivo. Contro il Catania è sempre una sfida diversa dalle altre e sappiamo benissimo l’importanza di questo match». L’Ad dell’Akragas Peppino Tirri, da noi contattato parla così del prossimo impegno di campionato.

«Quando affronti questa partita non c’è bisogno di caricare la squadra – sottolinea – spero ci mettano cuore e grinta. Per domenica vorrei che si mettesse in campo tanta voglia di far bene. Loro sono fortissimi e si sono ulteriormente rafforzati, noi dobbiamo fare del nostro meglio».

Sulla possibilità che Tirri ritiri le dimissioni , l’Ad è stato chiaro: «Amo fare questo lavoro ma, fino a quando non ci sarà chiarezza, sarò costretto a mettere da parte la mia passione. Ho preso una decisione e allo stato attuale non intendo tornare sui miei passi, ovvero ogni volta che le cose vanno male la colpa è sempre mia. Sfido chiunque a fare meglio con questo budget. Abbiamo speso gli stessi soldi che spende una squadra di Eccellenza, eppure siamo ancora qui a giocarcela, con tanti giovani in campo».

Akragas – Catania si gioca domenica alle 14,30. L’Amministratore delegato Peppino Tirri ha presentato dimissioni all’indomani della chiusura della sessione invernale del calciomercato. Tirri, aveva dichiarato : «Se la causa di tutti i problemi sono io, è bene che mi metta da parte».

Il Presidente Silvio Alessi rinnovando stima e fiducia nei confronti dell’Amministratore delegato, ha rimandato ogni decisione alla prossima assemblea dei soci. Oltre a rinnovare fiducia a Tirri, bisognerà fare chiarezza soprattutto sulla sostenibilità economica del progetto.  (DV)