Sono tornati nonostante espulsi, quattro arresti. Hotspot al collasso

Dopo l’ultima ondata di sbarchi, gli agenti della squadra Mobile di Agrigento, hanno arrestato quattro tunisini, i quali, nonostante fossero graviti dal decreto di espulsione, hanno fatto reingresso sul territorio nazionale attraverso la frontiera di Lampedusa. Dopo le formalità di rito sono stati posti agli arresti domiciliari presso l’hotspot di Lampedusa.

All’interno del centro di accoglienza di contrada “Imbriacola”, si trovano oltre 900 migranti, di cui almeno 250 minori non accompagnati. Gli ultimi arrivati 41 tunisini con due barchini. Altre sei imbarcazioni con 449 migranti, erano giunti ieri. Tutti sono stati visitati e sottoposti al tampone anticovid.

La Prefettura di Agrigento ha già disposto un piano per il trasferimento dei migranti sulle tre navi quarantena, che si trovano ferme in rada, tra Lampedusa e Porto Empedocle.