“Rilanciare il superbonus” , appello degli ingegneri alla classe politica

“Rilanciare il superbonus” , è questo l’appello degli ingegneri dei Agrigento alla classe politica affinche’ “vengano rimodulate le previsioni dei bonus edilizia nella legge di bilancio. Gli Ingegneri della Provincia di Agrigento, condividendo la decisa posizione assunta dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, sottolineano l’importanza e l’opportunità di stabilire un termine più ampio di vigenza degli incentivi con detrazioni al 110% ed, inoltre, di mantenere l’opzione dello sconto in fattura e della cessione del credito per gli altri bonus al 50% e 65% che hanno dato ottimi risultati fino ad ora. Gli Ingegneri sono convinti che “i benefici sociali ed economici per la collettività, dovuti alla proroga fino al 2026 del Superbonus 110%, saranno superiori ai costi sostenuti dallo Stato. “Si bloccherebbero – scrive il presidente provinciale dell’ordine degli ingegneri di Agrigento, Achille Furioso- le nuove commesse ed, addirittura, una consistente percentuale di progettazione già consegnata ai committenti, ma non ancora liquidata ai professionisti, verrebbe pregiudicata. Insomma, se il Governo non prorogasse gli incentivi, compresi quelli per gli edifici unifamiliari, i professionisti subirebbero oltre il danno anche la beffa. Per maggiori dettagli si riporta il seguente link https://www.fondazionecni.it/temi/lavori-pubblici/4127-l-impatto-sociale-ed-economico-dei-superbonus-110 che rimanda ad una dettagliata relazione elaborata dal Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri che evidenzia che la spesa per Superbonus 110% è in grado di attivare un contributo alla formazione del Pil e un incremento di valore aggiunto in grado di compensare il disavanzo nel bilancio dello Stato che tali incentivi determinano annualmente.

Gli Ingegneri della Provincia di Agrigento sono fiduciosi che la deputazione agrigentina condivida quanto sopra e ponga in essere azioni politiche concrete basate sulla sostenibilità nel breve e medio periodo di questo tipo di interventi, contribuendo in questi giorni di dibattito parlamentare a sostenere l’opportunità di definire una scadenza dei Superbonus 110% al 2026 e a mantenere l’opzione dello sconto in fattura e della cessione del credito per gli altri bonus al 50% e 65%.”