Pubblicati bandi per 170 milioni di euro, Cna Agrigento: subito uno sportello per guidare le imprese

“La tabella di marcia ha  subito certamente dei pesanti ritardi, ma guardiamo avanti e salutiamo positivamente la pubblicazione  in Gazzetta Ufficiale delle 4 azioni del Programma Operativo del Fesr di competenza dell’Assessorato Regionale alle Attività Produttive”. I vertici provinciali della Cna di Agrigento, che hanno seguito con attenzione l’intero iter procedurale,  sono  pronti a mettere in campo la propria struttura per intercettare i fondi che complessivamente ammontano a 170 milioni di euro. “Per non farci trovare impreparati – spiegano il presidente Mimmo Randisi e il segretario Piero Giglione –  ci siamo mossi con tempismo, lavorando soprattutto sulla formazione del personale. Sin da subito, infatti, saremo nelle condizioni di attivare appositi sportelli per accompagnare, passo passo, le aziende, le imprese, gli artigiani e le nuove attività che intendano sfruttare le opportunità concesse da questi mirati interventi, inseriti nell’ambito del fondo europeo per lo sviluppo regionale 2014-2020.  Gli Uffici della Cna, sia nelle sede provinciale che in quelle territoriali, illustreranno agli interessati tutti i passaggi e i requisiti necessari per potere partecipare ai bandi. La seconda fase riguarderà poi l’aspetto progettuale che dovrà essere corredato dalla prescritta documentazione. Sarà un lavoro che svolgeremo con scrupolo, serietà e professionalità – aggiungono Randisi e Giglione – in modo da guidare ed indirizzare, in perfetto e costante raccordo con la Regione, gli operatori economici verso il traguardo. E nei prossimi giorni, tenuto conto dell’importanza e della ricaduta che questi strumenti  potranno avere sul territorio,  valuteremo anche la possibilità di riorganizzare un seminario informativo ad Agrigento. Così come abbiamo fatto qualche mese fa, quando, proprio su questo tema, ci siamo fatti promotori di un incontro, alla presenza dell’Assessore regionale Mariella Lo Bello e dei vertici del dipartimento dell’Assessorato alle Attività Produttive, offrendo all’intero tessuto produttivo, ma anche agli ordini professionali, un efficace servizio di conoscenza e approfondimento sulla complessa materia. Lo sforzo e l’impegno della Cna sarà massimo – assicurano Randisi e Giglione – consapevoli che queste misure e queste risorse rappresentano, in un momento di difficoltà ancora non superato,  un’opportunità da non perdere per le nostre imprese che puntano sull’innovazione, sulla leva tecnologica e su nuove idee. Un cambio di passo significativo – concludono i vertici provinciali della Confederazione – destinato ad innescare un circolo virtuoso, determinando nuove prospettive di crescita e nuovi posti di lavoro a beneficio dell’intera economia agrigentina e isolana”.