Presentato il progetto della nuova chiesa del Villaggio Mosè VIDEO

Prima giornata formativa sullo Sportello Unico per l’Edilizia per gli Ordini professionali.

Presentato il progetto della nuova chiesa del Villaggio Mosè.

 Si è svolta ieri pomeriggio, nella sala Maria Alajmo della biblioteca comunale Franco La Rocca, la prima giornata di formazione sullo Sportello Unico per l’Edilizia, rivolto ai professionisti iscritti agli Ordini professionali degli Architetti, degli Agronomi e dei Geologi.

Un passo in avanti, compiuto grazie alla sinergia creata tra gli Ordini professionali e l’Amministrazione comunale, che avrà positive ripercussioni sull’iter autorizzativo delle pratiche edilizie poiché in tal modo, utenza e pubblica amministrazione potranno dialogare per portare a compimento gli atti di edilizia privata   e seguirne l’iter collegandosi alla piattaforma online sull’home page del sito istituzionale del Comune di Agrigento.

A “battezzare” il Sue, la presentazione online del progetto sulla nuova chiesa Cuore Immacolato di Maria al Villaggio Mosè, a cura dell’Ordine degli Architetti della provincia di Agrigento, presieduto da Alfonso Cimino.

“Questa giornata di formazione costituisce un evento molto importante – commenta Alfonso Cimino –  fa parte di un lungo percorso che negli ultimi sei mesi abbiamo intrapreso con l’amministrazione comunale e con l’Ufficio tecnico. Attraverso questa collaborazione si è giunti all’apertura dello Sportello Unico per l’Edilizia. Noi, come Ordine degli Architetti, non possiamo che esserne contenti perché il Sue è uno strumento voluto per legge e con questo Sportello si darà una forte accelerazione alle pratiche per il rilascio dei titoli concessori. Oggi, in occasione della prima giornata di formazione, abbiamo presentato il progetto sulla nuova chiesa del Villaggio Mosè, Cuore Immacolato di Maria”.

In una sala gremita di liberi professionisti, era presente anche don Giuseppe Pontillo, direttore dell’ufficio diocesano dei Beni culturali Arte Sacra ed Edilizia di Culto della Curia di Agrigento, che ha assistito all’importante momento della presentazione del progetto.

“Oggi si dà l’avvio alla prima giornata di formazione rivolta ai liberi professionisti i quali, interagendo con il Comune, dovranno confrontarsi con la nuova modalità di dialogo che comporta la piena digitalizzazione del Sue – afferma Elisa Virone, vicesindaco e assessore con delega all’Urbanistica – Per noi è una svolta importante perché dà un cambio di passo considerevole alla modalità con cui finora si è svolta l’attività del servizio di edilizia privata. E’ una scommessa che abbiamo fatto e sulla quale abbiamo investito tante energie in un momento di particolare difficoltà finanziaria ed economica, trovando comunque il modo e le risorse per assicurare all’Ufficio Urbanistica di essere al passo con i tempi, più fluido e, al contempo, una contrazione di costi e risorse. Il Sue, infatti, non ha costi aggiuntivi per il libero professionista”.

“Il Sue consente di comunicare con gli uffici tecnici – dice Giuseppe Principato, dirigente dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Agrigento – e ha un aspetto molto importante: la tracciabilità della pratica. Attraverso questo sistema, infatti, si potrà seguire l’iter della pratica nei vari enti preposti. Ciò consentirà di snellire le procedure e di averne piena trasparenza. Il Sue è uno strumento nuovo, coinvolge tutti gli enti e diventa un’unica interfaccia tra utenza e amministrazione. L’efficienza del sistema passa attraverso l’efficienza dei rapporti che si stabiliscono tra gli enti del territorio preposti al rilascio dei titoli concessori”