Pensavo la Sicilia non fosse pronta per il mio lavoro, ora sono tornato

Storie di #emigrazionealcontrario. Conosciamo Emmanuele D’Urso, di professione Graphic & Web Designer,  attore e cantante per passione.

Di Domenico Vecchio 

Ciao Emanuele raccontaci la tua storia.

Ero sempre stato dell’idea che “cu nesci arrinesci” così ho intrapreso delle strade che mi hanno portato a spostarmi da Casteltermini (mio paese di origine) a Roma, a Milano, fino alla Russia dove ho intrapreso un percorso artistico non indifferente come cantante.

Che intendi per non indifferente?

In Russia ho fatto circa 60 concerti, tra Perm’, Solikamsk, Usinsk e altre città della regione di Perm’. Alcuni di spicco, con artisti popolari del panorama musicale Russo, come Infinity e Gorod 312, alla presenza di oltre ventimila persone. La carriera musicale si è arenata un po’, complice il coronavirus che non mi permette di viaggiare. In Sicilia da questo punto di vista non ho mai trovato spazio, ma ci sono riuscito nel campo del web design e della grafica.

E dopo?

Ho sempre svolto i due mestieri in parallelo, dopotutto sono le mie due più grandi passioni. Ero andato via, pensando che, soprattutto per il webdesign e la grafica, la Sicilia fosse un posto “arretrato” dove non veniva capito il valore di questo mestiere. La mancanza di questa terra si è fatta sentire forte, così ho deciso di ritornare e di dare il mio piccolo contributo per migliorare. Mi sono trasferito ad Agrigento 3 anni fa e da allora non penso più di andare via.

Perchè?

Ho cominciato a fare una forte divulgazione in ambito web, a impiantare l’idea che da qui si possono fare tante cose. Ho così cominciato un processo che mi ha permesso di supportare tante aziende che, adesso, grazie ai loro siti internet portano gente da tutta italia e da tutto il mondo ad acquistare prodotti nella nostra città. E anche io, facendo base qui, in pieno centro storico, riesco a lavorare con gente sparsa per il mondo: Svizzera, Inghilterra, Belgio, stati uniti, Germania. Inoltre, m’è scattata la molla. Ho deciso di impuntare la mia azienda sul Sicilian 100%.

Che significa?

Mi appoggio a servizi di hosting siciliani, conosciuti in tutto il mondo ma non nella loro città (sono di Palermo). Ho instaurato collaborazioni con aziende che si occupano di prenotazione hotel con sede a Catania. I miei collaboratori esperti di Marketing sono Siciliani (di Agrigento), così come i fotografi, gli illustratori, le tipografie e i tecnici di ogni genere. Non so se la mia storia meriti di essere raccontata, però ho pensato che la mia sia una storia di emigrazione al contrario.

Domenico VecchioSu Facebook:  https://www.facebook.com/Direttore.AgrigentoOggi

Storie di emigrazione al contrario, leggi anche: