Mafia, condanna a 20 anni di reclusione per il pentito Sciabica

Daniele Sciabica, il pentito che si è accusato di quattro omicidi di mafia, dovrà scontare venti anni di reclusione.

Si tratta di omicidi commessi negli anni ottanta che avrebbero visto come vittime il padre, lo zio ed il nonno del boss Gerlandino Messina, nonchè di Pietro Gambino, ammazzato da un commando del clan Grassonelli nell’ottobre del 1988.

I familiari delle vittime, costituiti parte civile, hanno altresì ottenuto il risarcimento del danno.