La solidarietà di Firetto a Patronaggio, indignazione non politica

Il sindaco di Agrigento Lillo Firetto, in seguito alle minacce rivolte al procuratore Luigi Patronaggio, ha espresso fin da subito solidarietà nei suoi confronti. “L’atteggiamento che dovremmo tutti seguire, di fronte ad un uomo di Stato che riceve una minaccia di quel livello, è di solidarietà. Se non si fa muro davanti ad atti del genere, il sistema è destinato a fallire e finire a gambe per aria – ha detto il sindaco – quindi credo che tutti, sindaci e cittadini, siano chiamati a sottolineare l’ignobile gesto di minaccia attraverso un’indignazione che va al di là delle connotazioni e visioni politiche. Abbiamo il dovere di indignarci.”

Cento avvocati palermitani, inoltre, hanno solidarizzato con il procuratore in maniera esplicita e clamorosa acquistando mezza pagina del quotidiano La Repubblica pubblicando “Io sto con Patronaggio” riportando i nomi dei sottoscrittori. L’ultimo attacco subito dal procuratore agrigentino risale a due giorni fa, in una trasmissione con ospite Vittorio Sgarbi il quale ha accusato il magistrato di “insabbiare inchieste”. Sgarbi avrebbe indicato come fonte un avvocato agrigentino condannato a tre anni e mezzo di reclusione perché condannato per diversi episodi di calunnia.