In affidamento l’impianto sportivo di piazza del Vespro. Entro autunno l’apertura della palestra distrettuale

È stato pubblicato nell’albo pretorio presente sul sito istituzionale del Comune di Agrigento l’avviso pubblico per l’affidamento temporaneo del servizio di gestione del complesso sportivo polivalente in Piazza del Vespro al Villaggio Mosè.

L’impianto, composto da un campo di calcetto, un campo di bocce, un’area fitness e il parco giochi è stato recentemente riqualificato unitamente alla piazza ubicata nel rione antico del popoloso quartiere a sud della città.

“Abbiamo ritenuto opportuno, dopo i lavori di riqualificazione dell’impianto, optare per l’affidamento a terzi della gestione dello stesso non solo per mera convenienza economica ma soprattutto al fine di garantirne lo sviluppo ai fini sportivi e di aggregazione sociale- dice l’assessore Costantino Ciulla-.Per questo motivo, a seguito dell’atto di indirizzo politico reso e la successiva delibera di Giunta Comunale che autorizzava il dirigente a porre in essere tutti gli atti per l’affidamento, gli uffici e il dirigente stesso, hanno accuratamente lavorato alla elaborazione dell’avviso che garantisca, innanzitutto, il rispetto delle norme vigenti, poi un’attenta procedura di selezione del gestore attenendosi a richiedere idonei requisiti che possano garantire la massima funzionalità dell’impianto e la giusta esperienza e professionalità per lo sviluppo e la crescita sociale e sportiva dei ragazzi che usufruiranno della struttura”. Le domande potranno essere presentate, secondo le modalità previste dall’avviso, entro le 12 del prossimo 29 agosto.

E pare che ci siano novità anche sulla Palestra Distrettuale di Piazzale Ugo La Malfa (nella foto), opera da tempo incompiuta. “Finalmente siamo  in dirittura di arrivo per l’apertura-fa sapere Ciulla-. La struttura verrà consegnata finalmente alla città entro il prossimo autunno.

Un lavoro altrettanto certosino, e non certo di immediata e semplice risoluzione, abbiamo fatto sulla Piscina Comunale di Villaseta, impianto che a seguito della chiusura a causa del covid-19, non ha messo in condizione gli attuali gestori di riaprire per il mancato funzionamento della caldaia. L’importante struttura sportiva, che oggi tanto manca alla comunità e a coloro che ne usufruiscono, non solo per uso sportivo ma anche per fini terapeutici e riabilitativi, certamente non per colpa di questa amministrazione, risulta, come già più volte detto, non solo non accatastato ma costruito su territorio in possesso del Demanio dello Stato. Pertanto, soltanto dal 1966 (soltanto da 56 anni), nessuna amministrazione in precedenza si era preoccupata di intestare le aree di proprietà del Demanio dello Stato al Comune di Agrigento, come previsto dal DL 590/1966, che all’art. 5 comma 2 stabilisce che “Le aree espropriate per l’esecuzione di opere ed impianti pubblici passano in proprietà del Comune, al quale è altresì trasferita la proprietà delle opere e degli impianti”. Anche questo iter a breve sarà concluso e finalmente l’impianto sarà in perfetta regola e presto nuovamente fruibile.

Informo, infine, che l’ufficio Sport sta lavorando anche per la predisposizione del bando di affidamento in gestione dello Stadio Esseneto. Mi sento in dovere di ringraziare il dirigente del settore Sport e gli uffici, con in testa l’Avv. Antonio Insalaco, il collega assessore ai lavori pubblici, l’Ing. Gerlando Principato, ed il consigliere comunale Gerlando Piparo, quest’ultimo sempre attento, collaborativo e propositivo, che mi affianca quotidianamente nello svolgimento delle funzioni di supervisione e sollecitazione degli uffici per portare avanti progetti e risultati concreti”.