Il mio cane non mangia, cause e possibili rimedi

Non è raro dover fare i conti con un periodo di inappetenza del proprio cane. Prima di allarmarsi, è opportuno cercare di stabilire i motivi di queste difficoltà e provare ad utilizzare qualche semplice rimedio per risvegliare la fame di Fido.

In ogni caso, in linea generale non c’è da preoccuparsi se il nostro amico a quattro zampe salta un pasto o due: dopo 24 ore di digiuno, però, è opportuno monitorare con attenzione la situazione e rivolgersi ad un veterinario. Va altresì considerato che, sebbene l’inappetenza possa essere determinata da diversi fattori, non c’è un motivo particolare per cui il cane non debba bere acqua: in questo caso, è doveroso chiedere subito l’aiuto di uno specialista.

Il cane non mangia? Ecco le possibili cause

Proveremo a riassumere le cause che possono determinare inappetenza nel nostro cane. Riconoscersi in uno di questi casi può già aiutare a cercare il rimedio giusto:

Abitudini cambiate

E’ una situazione comune: durante un viaggio, perdendo le proprie abitudini e la routine, Fido reagisce con una mancanza di appetito che non deve destare preoccupazione.

Dolore psicologico

Lasciarlo in una residenza canina o anche a casa di un familiare stretto, per un periodo più o meno lungo, può determinare grande sofferenza psicologica per i nostri amati cani. Per non parlare della scomparsa di un membro del nucleo familiare stretto. Bisognerà quindi avere molta pazienza per rivederlo “sbranare” i propri pasti come di consueto.

Il caldo

Proprio come gli esseri umani, anche i cani (soprattutto i maschi) – di fronte al caldo torrido delle nostre estati – vedono calare sensibilmente il proprio appetito. Anche in questo caso si tratta di una fase passeggera.

Disturbi intestinali o malattia

Esistono, ovviamente, anche cause fisiche che destano più preoccupazione. L’inappetenza può essere causata da qualche disturbo intestinale passeggero dovuto a qualcosa che è stato ingerito e più o meno nocivo (spazzatura o anche gli escrementi di altri cani). Ma, in alcuni casi, è uno dei primi sintomi di malattie più serie: possono colpire il fegato, i reni, i denti, senza dimenticare la possibilità di infezioni o punture di zecche.

Cane che non mangia, i rimedi

Seguendo i consigli di Dogbauer per i cani che non mangiano, andiamo ora ad elencare quelli che sono i rimedi pratici che possono risolvere da subito la mancanza di appetito del nostro cane. Vedrete che le ciotole resteranno nuovamente pulitissime…

Attività fisica

Prima del pasto, provate a fare una bella passeggiata col vostro amico a quattro zampe, o più semplicemente a giocare un po’ con lui: gli risolleverà il morale e l’attività fisica risveglierà l’appetito.

Non alternare i tipi di cibo

E’ importante, per evitare che il cane diventi capriccioso o schizzinoso, che il tipo di cibo scelto (secco o umido) sia costante. Per intenderci, se ai croccantini alterniamo la più gustosa cucina casalinga, Fido alla lunga tenderà a “puntare” più i pasti fatti con le nostre mani, molto più saporiti rispetto al cibo industriale. 

Cambiare tipo di croccantini

Allo stesso tempo, anche i cani possono “stufarsi” degli stessi pasti, giorno dopo giorno. Se avete scelto un’alimentazione basata sui croccantini, ad esempio, potreste provare qualche altra marca o gusto, tenendo sempre d’occhio le etichette nutrizionali e le possibili reazioni allergiche del cane.

Distanziare i pasti

Il consiglio generale è di puntare sempre su 2 o 3 pasti al giorno: in entrambi i casi, è opportuno distanziare il più possibile gli orari, cercando comunque di mantenere una routine quotidiana.

Niente snack vicino ai pasti

Proprio come coi bambini, non vanno “regalati” snack fuori pasto ai cani a poca distanza dal riempimento della ciotola. Gli snack, infatti, spesso regalano una sensazione di sazietà che li allontanerà poi dal loro cibo.