Il crollo del viale, chiuse le indagini. Cinque indagati

Il pubblico ministero Antonella Pandolfi ha fatto notificare gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, a carico di cinque persone, indicate dalla perizia della Procura della Repubblica di Agrigento, i presunti responsabili dei due crolli del cornicione del palazzo in stile Liberty “Vittoria 51”, tra il Viale della Vittoria e piazza Cavour, avvenuti il 18 e il 30 settembre del 2019.

Gli indagati sono: Giuseppe Nicotra, 42 anni, di Favara, titolare della ditta esecutrice dei lavori di ripristino del prospetto; Giuseppe Bellia, 45 anni, direttore dei lavori; Vincenzo Sinatra, 86 anni, proprietario di un immobile, e ritenuto il committente dei lavori abusivi; Tito Cece, 75 anni, progettista e direttore tecnico degli stessi lavori e Cosimo Nicotra, 45 anni, direttore tecnico della ditta che ha eseguito i lavori.

Alla decisione della Procura si è arrivati in seguito al deposito della consulenza dell’ingegnere Luigi Palizzolo. I cedimenti sarebbero stati provocati dai lavori abusivi, realizzati negli anni 2007, e 2008 nel sottotetto, e per il taglio di parte del cornicione, avvenuto nel 2019, durante i lavori di ristrutturazione.