Esami “urgenti ed irripetibili”, si indaga ancora sull’omicidio di Giuseppe Mattina


Una serie di esami e accertamenti tecnici “irripetibili” sono stati disposti dal sostituto procuratore Matteo Delpini sui reperti sequestrati a Giovanni Riggio, il giovane di Palermo, che si è autoaccusato di aver ucciso il meccanico di Favara, Giuseppe Mattina, 41 anni. Gli esami saranno effettuati nei laboratori della Polizia Scientifica di Palermo.

La decisione è stata presa in considerazione del fatto che le tracce riscontrate potrebbero, col passare del tempo, deteriorarsi o essere inutilizzabili.

 

Condividi su



Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.