Crollo di Piazza Cavour, pasticceria si trasferisce dopo 80 anni. “Salvi per miracolo!”

Due ore prima del nuovo crollo del cornicione del palazzo liberty, all’interno della cosiddetta “area rossa”, come riportato dal quotidiano La Sicilia, c’erano il titolare del bar pasticceria “Sajeva”, e i suoi otto dipendenti, tutti insieme riuniti, casco di protezione in testa, per effettuare un primo recupero di materiali dall’interno del locale, chiuso dal giorno del primo cedimento. E con loro una squadra di vigili del fuoco.

Dal giorno del sequestro all’in- terno dell’area, infatti, si entra soltanto se accompagnati dai pompieri o dal personale della protezione Civile. In seguito al cedimento, e dopo oltre 80 anni, la storica attività lavorativa staper cambiare sede. Anche se resta al viale della Vittoria.

Il gruppo di lavoratori, per oltre tre ore, ha fatto la spola dal bar al furgone, lasciato davanti le transenne. Poi verso l’ora di pranzo la decisione di continuare il “trasloco” nei prossimi giorni. Non tutti sono andati a casa. Due dipendenti, in particolare, sono rimasti all’interno del nuovo laboratorio, a circa cinquanta metri di distanza dal bar chiuso. E nel pomeriggio hanno sentito il forte boato.

«Abbiamo capito che cosa era successo qualcosa nel palazzo», racconta Calogero, consapevole, e con lui i suoi colleghi, di essere sfuggito per un soffio alla tragedia, tanto che dice di sentirsi «miracolato. Siamo passati decine di volte proprio a ridosso della zona, ora ricoperta dalle macerie».

Il trasferimento nel palazzo Crea

Adesso, dopo l’ennesimo evento, con molta probabilità sarà accelerato il trasferimento nella nuova sede. Una scelta presa dal titolare Calogero Sajeva, per salvaguardare l’immagine dell’attività commerciale, conservare una clientela affezionata da tantissimi anni, e tutelare e salvare il posto di lavoro ai dipendenti. Giorni fa ha deciso di mettere mano al portafoglio, e ha trovato una collocazione alternativa, spostandosi a circa 100 metri di distanza, nel palazzo Crea, accanto alla farmacia. La riapertura è prevista per la metà del prossimo mese di ottobre. Contrattempi permettendo.