Cimitero di Piano Gatta, nessuna soluzione in vista: salme in attesa di sepoltura

Lo stillicidio burocratico riguardante il cimitero di Piano Gatta non ha ancora portato a nulla e la situazione procede a rilento.

Nei giorni scorsi il Comune aveva pensato bene di utilizzare alcuni vecchi loculi presenti all’interno del cimitero di Bonamorone, ma anche questa soluzione è stata scartata e a farne le spese, come al solito, sono sempre i cittadini.
Ci sono moltissime salme (più di 30) che attendono una degna sepoltura e vengono posizionate temporaneamente in luoghi di fortuna. Un trattamento sicuramente irrispettoso.

Il Comune aveva dato inizio ad un lungo e tumultuoso iter burocratico al fine di ottenere la risoluzione del contratto con la società che gestisce il Cimitero. La causa sarebbe la “mancanza delle dovute certificazioni” per svolgere l’attività. Ma come si può intuire, l’inter è destinato a risolversi in tempi lunghissimi, per non contare i ragionevoli dubbi riguardo il suo esito.

Per dare una temporanea sistemazione alle salme si vogliono utilizzare i loculi liberi di coloro che hanno le concessioni scadute. Dal Comune assicurano che non appena si sbloccherà questa situazione, la collocazione sarà in cima alle priorità.

Marcella Carlisi, consigliere comunale del Movimento 5 stelle, si era interessata della vicenda affermando che era necessario fare intervenire immediatamente un legale per fare chiarezza sulla vicenda. Dal suo account social si legge che la situazione è ancora ferma perché gli uffici stanno preparando la lettera di risposta da inviare al concessionario.

L’immagine sottostante è esplicativa della situazione pirandelliana che si viva oggi ad Agrigento.