Anche a Favara la Carta d’Identità elettronica: dirà se vuoi donare gli organi


La nuova carta di identità elettronica dirà se vuoi donare gli organi. E’ di oggi la prima nuova carta di identità elettronica di Favara. A richiederla il Presidente della locale A.I.D.O. Vincenzo Vella che insieme ai soci membri del direttivo Aido Favava si sono presentati all’anagrafe per sostenere la corretta informazione ai cittadini, ricordandone quale grande valore etico sia l’espressione del si a donare i propri organi.

Tante le novità della nuova carta formato card, dove verranno registrati i dati anagrafici e biometrici (fotografia e impronta digitale), per poi essere trasmessi al ministero dell’Interno (per l’emissione). Infine la stampa del documento e l’invio a casa entro sei giorni lavorativi dalla richiesta. Inoltre all’anagrafe di Favara grazie all’intesa a tre tra CRT, Comune e Aido, sarà possibile dichiarare la volontà del si registrandosi all’A.I.D.O.

La nuova carta è dotata di un microprocessore a radiofrequenza per la memorizzazione delle informazioni utili alla verifica dell’identità del titolare, compresa l’indicazione del consenso o il diniego alla donazione di organi. Volontà che verrà inserita nel Sistema informativo trapianti.
“Un grande passo è stato fatto- dichiara Vincenzo Vella- con la nuova card il cittadino viene responsabilizzato al grande senso civico, in rispetto della vita”.
La card rispetta gli attuali standard internazionali di sicurezza, anticlonazione ed anticontraffazione (foto stampata al laser, ologrammi, sfondi di sicurezza, micro scritture), e costerà 16,79 euro più 5,50 per i diritti di segreteria che diventano 11,00 in caso di smarrimento.

Condividi su



Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.