Agrigento, truffa da 200 mila euro: a giudizio due noti imprenditori

Due imprenditori, commercianti di Canicattì,  proprietari di negozi molto noti ad Agrigento, sono stati citati a giudizio per l’ipotesi di reato di truffa.

A finire nel mirino della Procura della Repubblica della Città dei Templi sono Gaetano e Gioachino Sferrazza, padre e figlio, rispettivamente di 75 e 51 anni.

I due imprenditori sono accusati di aver acquistato merce pagando con assegni post datati e protestati in quanto privi di fondi per la necessaria copertura. Compariranno davanti al giudice monocratico del Tribunale, il prossimo 15 marzo.

Iniziamente i due canicattinesi avrebbero pagato regolarmente e tempestivamente la merce ricevuto, e agendo in tal modo, secondo i magistrati, i due canicattinesi, avrebbe fatto credere di essere solvibili anche per le successive forniture. Secondo l’accusa i due, successivamente,s avrebbero ricevuto merce per quasi 200 mila euro da due ditte senza pagare. I fatti  sarebbero accaduti nel 2012. A riportare la notizia, Grandangolo.