Agrigento: Presentazione del film di Giovanni Volpe “Sul’Amuri”

-di Calogero Longo
Giovanni Volpe Sul' AmuriAd Agrigento, al Distretto Turistico Valle dei Templi, l’amministratore del Distretto Turistico Valle dei Templi, Gaetano Pendolino, e il regista Giovanni Volpe, hanno presentato alla stampa il film “Sul’Amuri”, con l’attenta selezione delle locations, degli attori, delle musiche, delle tradizioni e delle maestranze locali che hanno determinato il patrocinio della Film Commission del Distretto. Presenti anche numerosi attori e i tanti che a vario titolo hanno contribuito alla riuscita del film.

 

 “Sul’amuri” è liberamente tratto dalla “Lupa” di Verga. Prima, spettacolo teatrale col titolo “Malerba e la Lupa”, poi, la versione cinematografica “Sul’amuri”. Nel film gli attori Giorgia Flora (figlia del noto musicista Pippo Flora de “I promessi Sposi” di Michele Guardì), la quale intrepreta la “Lupa”, e l’affascinante Angelo Costanza nel ruolo di “Nanni Lasca”: grazie ai due

protagonisti, già maturi delle rispettive esperienze teatrali e televisive, passione e emozione entrano in perfetto connubio con i profumi della Sicilia. 

Giorgia Flora Sul' AmuriSull' Amuri ll film, girato interamente tra i luoghi dell’agrigentino, con una produzione indipendente,  racconta storie che benché affondino le proprie radici nella letteratura di fine Ottocento, hanno ancora un forte legame con la contemporaneità. La Lupa è forte, fragile, generosa, appassionata, spietata. La figura femminile che ne emerge, con le violenze subite, con le sue contraddizioni, con la sua voglia di libertà e il senso di oppressione di una cultura patriarcale è ancora di grandissima attualità. Nanni Lasca è incapace di governare i suoi istinti e crede di dover difendere il suo ruolo virile, mentre è invece incapace di gestire il suo rapporto con la donna, al punto da decidere di sopraffarla. Il tema diventa così attualissimo e riporta alla memoria storie recenti di violenza sulle donne.

Interessante anche la scrittura, che propone un Malerba simile al coro della tradizione tragica, più che il popolare cantastorie, in quanto sintetizza attraverso la sua bocca le voci che emergono dal passato che riportano gli eventi molti anni dopo la morte della “Lupa”.

“Sul’amuri”, da giovedì 13 ottobre 2016 è in programmazione al Cine Mezzano di Porto Empedocle con due proiezioni giornaliere, alle ore 18 e alle ore 20,30.

 

Calogero Longo

 

Le Interviste: