Voto non consapevole anziana di casa di cura. Esposto alla magistratura del M5S Sicilia



Il voto non consapevole dell’anziana della casa di riposo del
Catanese, M5S Sicilia: “Episodio grave, denunciamo tutto alla
magistratura”

Sulla vicenda dell’anziana di una casa di riposo del Catanese che
avrebbe votato – secondo quanto asserisce il figlio di questa in un
video diffuso nel web – nonostante fosse interdetta, il M5S Sicilia
presenterà un esposto alla Procura della Repubblica.
“L’ episodio – dice il deputato M5S all’Ars Giancarlo Cancelleri – è
allarmante e – se fosse vero – confermerebbe i nostri timori della
vigilia sulla regolarità del voto che ci hanno indotto a chiedere
l’intervento degli osservatori dell’Osce. È necessario capire se si
tratta di un fenomeno isolato o di una pratica diffusa anche oltre il
Catanese.
I legali del Movimento sono già al lavoro per acquisire ulteriori
dettagli per confezionare l’esposto che in settimana sarà già sui
tavoli dei magistrati.
Secondo il M5S Sicilia la regolarità della tornata elettorale appena
archiviata potrebbe essere stata messa in serio pericolo da numerosi
altri fattori, non ultimo quello della presenza di parecchi
impresentabili, soprattutto nelle liste collegate a Musumeci, tra cui
Cateno de Luca, arrestato proprio oggi.
“I voti raccattati da queste persone – afferma Cancelleri – sono stati
veramente parecchi, e ad alcuni di loro hanno consentito di
guadagnarsi una poltrona all’Ars. Compreso De Luca che proprio oggi è
finito alla ribalta della cronaca non certo per meriti politici suoi o
della coalizione di Musumeci che sostiene. L’intervento, da noi
sollecitato, della commissione nazionale antimafia per esaminare le
liste è stato praticamente inutile. Il responso del suo lavoro sarebbe
dovuto arrivare prima dell’apertura delle urne. Ora rischia di non
avere più alcun senso”.

Palermo 8/11/2017

Ultima modifica: 8 novembre 2017