Una tassa che fa ridere

Pubblicato 11/08/2012 » 292 Visualizzazioni» Da Eugenio Cairone » Opinioni

Una tassa di soggiorno per i turisti ad Agrigento, per le condizioni in cui versa la città, farebbe solo ridere. Anche se non è solo il Comune di Agrigento a volere scegliere questa strada per fare quattrini.
Ci stanno pensando, infatti, anche a Palermo.
Ma per quanto ci riguarda, una eventuale tassa da affibbiare ai visitatori sarebbe una scelta ridicola che va scartata senza tentennamenti se non si vuole finire sui rotocalchi satirici. Perché una tassa sui turisti che arrivando ad Agrigento non dispongono neppure di un solo servizio degno di nota, sarebbe davvero una grande buffonata. Condividiamo perfettamente la “minaccia” dell’assessore al turismo di andare via qualora la proposta non venisse modificata.
Cosi come condividiamo la decisione del sindaco Zambuto di investire direttamente il Consiglio comunale della faccenda.
Se i nostri consiglieri, spesso tanto attenti anche alle cavolate, riusciranno a dire la loro cercando di evitare, anzitutto, i danni all’immagine della città, allora si potrà continuare a discutere.
Prima di proporre tasse del genere, ci si dovrebbe preoccupare piuttosto di andare a colmare i tanti vuoti esistenti per fare di Agrigento una città turistica per eccellenza dove una tassa, seppure odiosa, ci potrebbe pure stare.
Ma adesso che siamo appena alla sufficienza la tassa è da scartare assolutamente.
EUGENIO CAIRONE

Condividi questo post
Sull’Autore

3 Responses to Una tassa che fa ridere

  1. Dario Rizzo says:

    Ora ci metti a paquitoe fanno l’assessorato agli aperitivi. Ps senza offesa

  2. adolfo says:

    Siamo appena alla sufficienza?Ma lei sig. Cairone dove abita a San Vito lo Capo o forse abita a Siracusa o forse ancora abita a Capo d’Orlando ?( a proposito se le capita faccia una gita in questi posti )E incredibile come ancora oggi ,ripeto,ancora oggi c’è gente che parla di turismo e di turisti per questa città.Ma le nostre strade le vedete si o no?Inostri marciapiedi li vedete si o no?I nostri spazi verdi (veramente sono gialli) li vedete si o no?Fate un giro in auto dal viale delle dune a villaggio mosè e controllate quello che c’è ai bordi della strada.Non siamo appena alla sufficienza siamo il Burundi.
    P.S. Andate da un bravo ottico.

  3. Eugenio Cairone says:

    Adolfo, posso anche essere d’accordo, però,bisognerebbe saper rispettare il posto in cui vive. Non si può dare la colpa solo al sindaco se qualcuno, o più di qualcuno, non sa cosa sia la civiltà. Evidentemente nei luoghi da Lei citati, abitano persone che il Burundi non lo vogliono.
    e.c.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>