“Un regista famoso mi chiese di spogliarmi nuda”, molestie sessuali per l’agrigentina Clarissa Marchese (ex Miss Italia)  



Clarissa Marchese, la ex Miss Italia 2014, originaria della provincia di Agrigento, è ospite in studio nella trasmissione di Canale 5, “Domenica Live” e ha risposto alle domande della conduttrice Barbara D’Urso dove ha ricostruito una presunta storia di presunte molestie sessuali subite dalla stessa attrice agrigentina. “Nel 2015, dopo che ho vinto Miss Italia, quando si è pensato di iniziare il percorso come attrice. Era un percorso lungo, c’è stata la possibilità di fare un provino con un famoso regista italiano di cui si sta parlando molto in questo periodo. Il suo nome sarà detto in un servizio in onda sulle “Iene”. Ho fatto dodici ore di volo per dire che si può dire di no a queste cose. Ero a casa sua, anche se non lo sapevo. Lui si è offerto di darmi lezioni prima di fare il provino, lezioni offerte gratuitamente. Ho pensato che fossi fortunata. Era il mio primo provino. Arrivo a casa sua con quello che mi accompagnava che mi ha chiesto se poteva allontanarsi. La casa dove sono arrivata era una casa-ufficio. Lì sono iniziate delle vere e proprie lezioni, con le ore che sono passate interessanti. Alla fine di queste lezioni comincio a fare degli esercizi di improvvisazione e ad un certo punto si parla delle possibili parti che avrei potuto interpretare. Lui mi disse che solitamente una presenza come la mia doveva essere disposta a fare delle scene anche più spinte. Mi disse se ti chiedessi di spogliarti totalmente nuda lo faresti? Io rimasi male, avevo vent’anni, lui quarantacinque, io ho detto assolutamente no. Mi chiese come mai…. io risposi che il contesto era inappropriato e non mi volevo spogliare. Mi disse ti capisco, poi abbiamo continuato con le lezioni e poi sono andata. Questo il primo giorno. Il regista è un uomo sposato, me lo disse lui. Sono tortana l’indomani e si riprende la lezione come se nulla fosse. Il mio accompagnatore mi chiese se potesse allontanarsi. Verso la fine il regista mi chiese di spogliarmi con naturalezza. Ho avuto il sangue freddo di immaginare una ragazza nuda di 20 anni nuda davanti a un uomo. Me ne andai subito e non mi presentai più a casa sua. Non parlai con nessuno di questa cosa. Lui non mi ha mai toccato, perchè io non ho voluto. Dopo qualche mese mi chiama la mia agente e mi ha detto: ‘Lui ti voleva dare la parte, è successo qualcosa e non te l’ha più data’. Il mio messaggio alle ragazze è NON SCENDERE MAI A COMPROMESSI”.

Ultima modifica: 13 novembre 2017