Uil di Agrigento partecipa alla fiaccolata per la Cattedrale di venerdì organizzata dal Cardinale Montenegro



Uil di Agrigento partecipa alla fiaccolata per la Cattedrale di venerdì organizzata dal Cardinale Montenegro. ”Una città normale, in una situazione anormale, si scuotano le coscienze e si cambi passo”

 Gero Acquisto a nome di tutta la Uil provinciale conferma l’adesione alla fiaccolata di giorno 3 novembre organizzata dal Cardinale Montenegro per la Cattedrale agrigentina chiusa da 6 anni e mezzo.

“Saremo tutti a marciare e a gridare la nostra rabbia e indignazione per una vicenda quella della Cattedrale che peggiora di giorno in giorno, siamo vicini al clero agrigentino, ai residenti e a tutte le forze libere e sane della città che pretendono risposte su una vicenda che è lo specchio dello stato delle cose, il simbolo religioso della nostra città che stante così le cose rischia di portare al baratro un’intera comunità e provincia.

Noi da due anni sollecitiamo tutte le Istituzioni ad intervenire, ormai il vaso è colmo, spero che questa maggioranza di cittadini in maniera pacifica ma determinata possa illuminare le menti di chi ha responsabilità ad intervenire presto e finalmente concretamente, abbia sentito solo un eccesso di annuncite da troppi personaggi politici e che hanno responsabilità, finora hanno preso in giro la città e i cittadini.

Adesso tutta la comunità con in testa il Cardinale lancerà questo altro appello forte e chiaro e chi ha orecchie per intendere non faccia finta di nulla, la riapertura della Cattedrale serve a tutti e può essere l’inizio di un nuovo cammino di speranza e di fecondità per la città. Per questo invitiamo tutti i cittadini a stringersi attorno per rivendicare un altro diritto naturale e normale avere il simbolo della città non solo come luogo di culto, nuovamente fruibile e funzionante come lo era il 25 febbraio 2011, purtroppo una vita fa.”

Ultima modifica: 29 ottobre 2017