“Tredicenne costretta a prostituirsi in un ovile”, indagini sulla madre



Sarebbe stata costretta a prostituirsi in un ovile a Gibellina.  E’ indagata anche la mamma della tredicenne trovata a bordo di un’auto, in piena notte, con un sessantunenne di Gibellina, P.C., che è stato arrestato per sfruttamento della prostituzione ai danni della piccola.

La donna, che vive a Menfi, nei cui confronti non è stata emessa alcuna misura, è già stata interrogata, come scrive il Giornale di Sicilia, oggi in edicola, alla presenza di un legale, l’avvocato Nino Sutera, dal sostituto procuratore Carlo Boranga.

«La mia assistita – afferma l’avvocato Sutera – avrebbe potuto avvalersi della facoltà di non rispondere, ma ha deciso di rispondere alle domande affermando di conoscere quest’uomo, un amico di famiglia, e di non avere alcun motivo per dubitare dello stesso».

Ultima modifica: 27 dicembre 2017