Dopo lo strepitoso successo nelle sale di tutto il mondo, torna da stasera al cinema il sequel il Ragazzo invisibile. Seconda generazione, il film fantasy dedicato ad un supereroe tutto italiano diretto da Gabriele Salvatores. Nel cast Valeria Golino, Galatea Bellugi, Ivan Franek, Noa Zatta e Ludovico Girardello.

Nel sequel Michele, il protagonista del film, è cresciuto e ora che padroneggia pienamente il suo potere, che è anche un dono, il dono dell’invisibilità, deve fare i conti con dei problemi più grandi e complessi, ma soprattutto inimmaginabili.

Il film precedente, uscito nel 2014, metteva in scena la storia di Michele, un tredicenne adottato quando ancora era in fasce da Giovanna Silenzi, una donna poliziotto. I genitori veri di Michele sono due superdotati. Come la madre, Michele può diventare invisibile e agire indisturbato, anche se viene a conoscenza del suo potere in maniera del tutto casuale e la madre adottiva non ne è a conoscenza. Senza saperlo, Michele è ricercato da un’agenzia speciale russa che tenta di catturarlo invano infatti, Michele non solo riesce a liberare alcuni suoi coetanei e compagni di scuola che erano stati sequestrati per ordine di Artiglio, il capo dell’agenzia russa, ma riesce a mettere in salvo se stesso e a spedire i suoi nemici lontano. Dopo l’avventura Michele ha maggiore fiducia in se stesso e non ha più timore dei coetanei che, prima degli eventi fin qui descritti, lo sottoponevano ad atti di bullismo approfittando della sua bontà e della sua timidezza.

Il ragazzo invisibile- Seconda generazione, anche se ripropone un film molto improntato sull’action e gli effetti speciali, risulta essere meno originale del primo e caratterizzato da atmosfere più cupe che lo fanno sembrare un thriller d’azione.

Tuttavia va dato un grande merito a Gabriele Salvatores, quello di aver aperto la porta al cinema italiano verso un genere più internazionale e moderno.

Ultima modifica: 4 gennaio 2018