Sulle compensazioni Anas solo una voce

 

di Eugenio Cairone

Avevamo scritto nei giorni scorsi sulla scelta del sindaco Marco Zambuto di destinare l’intera somma delle misure compensative, relative al raddoppio della 640, al Quadrivio Spinasanta.

Dal momento che la scelta del sindaco di Agrigento, non ha nulla da spartire con la saggia amministrazione della cosa pubblica se si considera lo stato pietoso della città e delle frazioni, ci saremmo aspettati più voci a “contrastare” tale scelta.

Bisogna riconoscere al giovane Francesco Christian Schembri, dirigente provinciale dei “Lealisti”, di avere condiviso quanto da noi scritto senza nulla togliere ai cittadini del Quadrivio i cui problemi il sindaco dovrà provvedere con urgenza a risolverli ma non cosi come vorrebbe fare.

Ebbene, Schembri, ribadendo la necessità di riqualificare il Quadrivio, ha stigmatizzato il comportamento del sindaco Zambuto.

Secondo l’esponente del Movimento politico, “ Il sindaco, da amministratore e da “buon padre di famiglia” dovrebbe destinare quei 3 milioni di euro ad interventi che dovrebbero servire ad attenuare tutte quelle emergenze impellenti che purtroppo la città oggi vive a causa di strade quasi inesistenti, sporche, malcurate e senza segnaletica, con una situazione igienico – sanitaria al limite della decenza e la manutenzione del verde pubblico inesistente, con le frazioni abbandonate a se stesse che denotano un lassismo vergognoso”.

Per tutti questi motivi secondo Schembri “Fare di quei 3 milioni di euro, oggetto di un unico (seppure necessario) intervento al Quadrivio Spinasanta, oggi sembra quasi offendere l’intera città che vive in un generale stato di abbandono”. “Sarebbe opportuno – continua Christian Francesco Schembri, che è stato già vice presidente della Circoscrizione, che il sindaco non ripeta quanto sta già accadendo nel quartiere di Fontanelle dove grazie al Contratto di Quartiere si stanno spendendo oltre 7 milioni di euro per vedere solo una misera ed inutile scala.

Quelle somme potevano essere meglio investite e rendere territorio più vivibile”. Il giovane dei “Lealisti” auspica che il sindaco e la Giunta possano riconsiderare la posizione presa e adoperare i 3 milioni di euro derivanti dalle misure compensative, ad interventi da destinare alle emergenze dell’intera città.

Fin qui Schembri, e possiamo dire fin qui solo noi a “denunciare” un altro sonoro schiaffo che si vuol dare ai cittadini agrigentini.

Staremo a vedere.

Certo cosi non va per niente e bisogna augurarsi che a prevalere sia davvero il buon senso, se c’è.

Infomazioni autore

ha scritto 2968 commenti su questo blog.

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023