Il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo, é stato accusato di truffa dalla Procura della Repubblica che lo ha indagato, insieme ad altre due persone, dopo un esposto che ipotizzava come lo stesso sindaco, quando ricopriva la carica di consigliere provinciale, avrebbe usufruito di un rimborso non dovuto relativo al consumo di carburante per recarsi alle sedute dell’allora Provincia Regionale. L’accusato ha sempre dichiarato di averne incassato solo una piccola parte.

In pratica, sarebbe risultato residente a Palermo quando in effetti la sua abitazione si trovava vicino Ravanusa e dunque non avrebbe dovuto intascare i soldi del rimborso.

Ultima modifica: 24 ottobre 2017