Carnevale di Sciacca 2018 : la festa in foto

Nonostante pioggia e maltempo il Carnevale di Sciacca mantiene il suo fascino. Giunto alla 118^ edizione come sempre si chiuderà con il rogo del Beppe Nappa. Il carro dedicato alla maschera  ufficiale del Carnevale saccense verrà incendiato nella piazza centrale di Sciacca, ripetendo un cerimoniale di buon auspicio al vivere bene.

Alta la qualita’ dei cinque carri allegorici in concorso e dei due minicarri. Opere in cartapesta che confermano il livello artistico del Carnevale saccense. Coloratissimi e rigorosamente fatti a mano, i carri allegorici del Carnevale di Sciacca non deludono mai. Guardate chi sono i protagonisti di quest’anno: Sette i carri in concorso quest’anno (due di categoria B): l’associazione “Archimede” ha realizzato il carro “E se fosse tempo perso”, l’associazione “Saranno Famosi” “L’ago della bilancia”, l’associazione “E ora li femmi tu” ha costruito il carro “Non c’è più rispetto”, l’associazione “La nuova isola” il “Mezzogiorno di fuoco”, l’associazione “Nuova arte ’96” il Tramp…olino per un sogno”, l’associazione “La nuova avventura” la “Schiuma di bocca (Scuma di ucca”), l’associazione “Il gatto e la volpe” ha fatto “Pagare… e sorridere”. L’associazione ”Ripartiamo da zero” ha realizzato il carro di Beppe Nappa, la maschera adottata da Sciacca, che ha aperto i cortei quotidiani distribuendo migliaia di salsicce e ettolitri di vino rosso. ”Il nostro carnevale è il più allegro, il più coinvolgente, anche il più aperto, il più creativo, il più social” dicono Valenti e Bellanca.

Col rogo del Beppe Nappa, il carro che “ospita” il pupo della maschera tradizionale della festa, si chiude stasera l’edizione 2018 del Carnevale di Sciacca (Ag), il più antico di Sicilia. Anche quest’anno c’è stata una grandissima partecipazione popolare alla festa. La particolarità di questo Carnevale è che ogni carro allegorico è supportato da un gruppo mascherato a terra che balla su inni e musiche create ad hoc e legate all’allegoria dello stesso carro. Questa vivacità, unita alla maestria dei carristi -figli della grande scuola di ceramica, altro fiore all’occhiello della cittadina – rende quello di Sciacca un Carnevale unico in Italia per coinvolgimento e allegria.

Ultima modifica: 13 febbraio 2018

In questo articolo