Scelte coraggiose

[OPINIONE SUL VOTO AD AGRIGENTO]

Ad Agrigento ha vinto il Movimento Cinque Stelle e il Centro Destra con il Popolo delle Libertà. In un clima nazionale, dove nessuno perde e nessuno vince,  è questo il quadro che viene fuori.

Di sicuro, ad Agrigento ha vinto Grillo. E’ risultato il primo partito sia in città che in provincia. Un risultato che molti si aspettavano a giudicare dal malessere che si respirava. Il dato Agrigentino una volta tanto non è in controtendenza con il resto del Paese. Dentro questo voto, si sentono le voci e le storie di chi non trova lavoro, di chi non riesce ad arrivare alla pensione o alla fine del mese, di chi non ha un futuro e fugge lontano, di chi ha visto le nuove tasse come un’insopportabile angheria, di chi ogni giorno è costretto a schivare le buche per strada e fare i conti con bollette di acqua e spazzatura al di fuori della media.

Questa volta le urne hanno risposto con una sollevazione di massa senza precedenti. E’ incredibile come la gente abbia scelto di votare M5s senza nemmeno sapere chi fossero i componenti della lista. A molti di loro non importava, perché tanto quel che conta è credere in un cambiamento possibile che passa attraverso la responsabilità di ognuno. Con questi risultati, paradossalmente nessun agrigentino in lista in M5s siederà in Parlamento. Gli agrigentini che meriterebbero maggiore considerazione dal Movimento di Grillo, erano stati relegati alle ultime posizioni della lista.

Di Agrigentini alla Camera e al Senato ce ne saranno, però, altri. Un’altra certezza del risultato elettorale venuto fuori da queste parti, è la rinascita del partito di Angelino Alfano. Il Popolo delle Libertà da solo ha tirato la volta a tutto il centrodestra, confermandosi una coalizione forte anche in provincia di Agrigento. Adesso, comunque, rimane da capire cosa succederà a livello nazionale. Potrebbero accadere tante cose. Le ipotesi non mancano. Chissà che al Colle non possa provare a salire un agrigentino. Chissà. Nel frattempo nella città dei templi che vuole, e pretende il cambiamento a cominciare dal governo locale, c’è la speranza che i parlamentari abbiano capito la lezione e sappiano ascoltare non come hanno fatto finora.

Leggi anche:

Grafica – Fanpage.it

Infomazioni autore

ha scritto 12125 commenti su questo blog.

29 Commenti on “Scelte coraggiose”

  • silvia wrote on 26 febbraio, 2013, 12:05

    Se qualcuno, fosse stato meno sul piedistallo della vittoria e più sulle strade, si sarebbe accorto che il vento portava rumors diversi dai sondaggi…..è da circa un anno che le strade volgono lo sguardo alle stelle e solo chi era chiuso nel proprio palazzo non lo capiva….che l’onda di porto avrebbe schiaffeggiato i marinai era chiaro a chi ascoltava la gente, sentiva i loro lamenti, la loro rabbia…..LA POLITICA SI FA NELLE STRADE, NELLE PIAZZE, NELLE FABBRICHE, NON NELLE SEGRETERIE…..ora si chiede a Grillo un’assunzione di responsabilità, giusto, ma credo che il centro sinistra, dovrà fare prima una gita a Canossa….Direttore gli italiani sono stati chiari, vogliono il cambiamento, sia nella politica in generale che nei partiti. Soprattutto il centro sinistra dovrà fare una gran riflessione sulla sula leadership, e sulla sua classe dirigente. Consiglierei anche al sindaco una riflessione seria, il suo partito in città è morto, e molta della colpa è sua. Che Dio ci aiuti!

  • Mario Aversa wrote on 26 febbraio, 2013, 11:35

    la vittoria del centrodestra in città rappresenta la conferma del fallimento di una sinistra completamente assente, una sinistra autocelebrativa ma molto distante dai reali problemi della gente, dei giovani disoccupati, dei pensionati dei commercianti costretti a chiudere le propria attività lavorativa per la valanga di tasse e debiti accumulati e impossibili da onorare; gente che ha riversato la propria rabbia e voglia di riscatto nell'unico movimento che ha saputo percepire queste emergenze IL 5 STELLE – gli "amici del PDL non si crogiolino per il risultato, sappiano costoro che il tempo delle vacche grasse sta per terminare, e ciò grazie alle truppe GRILLINE che da adesso avranno appizzate ai fianchi.

  • sac.diego acquisto wrote on 26 febbraio, 2013, 12:35

    Complimenti per le osservazioni incisive ed obiettive. Bene ! E’ proprio vero quello che hai scritto, che cioé la gente comune – mi consta personalmente – all’approssimarsi della data delle elezioni decideva di “votare M5s senza nemmeno sapere chi fossero i componenti della lista. A molti di loro non importava, perché tanto quel che conta è credere in un cambiamento possibile….”. I responsabili veri dei Partiti più rappresentativi delle esigenze popolari ne devono tenere conto, diversamente riceveranno batoste ancora più sostanziose….sia il PD sia il PDL costretti ad intendersi per il bene dell’Italia devono puntare e subito ad una vera equità sociale (non alla Monti!), con proposte serie di tagli degli sperperi, privilegi, stipendi e pensioni d’oro, buonuscite e buon’entrate d’oro….ecc. ecc. per avere subito disponibili alcuni miliardi freschi da fare arrivare al più presto alle famiglie dei tantissimi disoccupati, sotto qualsiasi forma, compresa la formula cara ai grillini (perché no !?) del salario minimo di salvezza….. dalla fame ! Anche la restituzione immediata dell’IMU per la prima casa alla fasce veramente più povere potrebbe inquadrarsi in una nuova ondata propulsiva di vera giustizia sociale…..

  • Diego Acquisto wrote on 26 febbraio, 2013, 11:40

    Bravo Domenico….il tuo servizio può essere di pungolo a chi vuole veramente riflettere per il bene comune …. a breve, medio e lungo termine !

  • Nino Riggio wrote on 26 febbraio, 2013, 11:40

    Sorpresa e anche delusione per certi versi. Se prima gli agrigentini sembravano entusiasmarsi alle novità ed alle piazze di beppe grillo, alla fin fine poi mandano al parlamento sempre i soliti idoli della politica. Cosa cambia allora? possiamo ben sperare.

  • Marlegno Agrigento wrote on 26 febbraio, 2013, 11:52

    La verità che tanto vincono sempre gli stessi. … con una scelta che non ha uguali nella attuale vicenda politica italiana, basta vedere gli eletti del PDL e del PD nella nostra provincia.

  • Silvana da Torino wrote on 26 febbraio, 2013, 13:15

    Era ora che gli agrigentini voltassero pagina e dessero finalmente un segno piu’ che palese del loro malessere e soprattutto del loro bisogno di non essere piu’ presi in giro ed essere ricordati solo in vista di probabili voti!!!Bravi cari cittadini ,avete fatto vedere quanto valete,quanto non volete piu’ essere asserviti,quanto avete diritto alla vostra libera espressione!. Questi risultati daranno,perlomeno, un segno chiaro della volonta’ di cambiare ,di uscire dagli schemi falsi e stereotipati!!!!.Ci sara’ un grillino sulla spalla di ogni parlamentare!.Saluti voltapagina da Silvana.

  • Aristotele wrote on 26 febbraio, 2013, 14:20

    Lo scenario post elettorale ci porta ad una seria ed accurata riflessione. L’ esplosione di grillo e del suo movimento era scontato visto il malcontento e lo sdegno generale. Serva da lezione alla politica….quella politica che si è dimenticata del suo popolo schiacciandolo nella miseria e che si abbaffa ,ingorda.

  • Antonio Vanadia wrote on 26 febbraio, 2013, 15:55

    Il Movimento 5 Stelle è l’unica novità nel grigio e putrido panorama della pseudo politica nazionale,questa formazione è stata votata in maniera trasversale da elettori provenienti da varie formazioni politiche.Priorità sono adesso la revisione completa della nostra presenza in Europa,referendum sull’euro subito e difesa dell’ economia e della sovranità nazionale gravemente e delittuosamente asfissiata dai criminali cartelli bancari e industriali di cui il banchiere Monti è referente.Combattere l’evasione fiscale ,eliminare pensioni e stipendi di platino,requisire i patrimoni dei politici,far rientrare i nostri militari da ogni teatro di guerra,bloccare la tav e il ponte sullo stretto,non acquistare i difettosi F35 ,eliminare il finanziamento pubblico a partiti,giornali,associazioni ”culturali”,confiscare i beni a tutti gli evasori fiscali e….utilizzare tutto questo denaro per finanziare un sistema di tutela delle fasce popolari ridotte alla fame.

  • Salvatore Magro wrote on 26 febbraio, 2013, 15:33

    Caro Domenico, La prima parte della tua analisi , sul malessere che ha spinto la gente a votare M5S è esatta, ma consentimi un'intervento sulla seconda parte: gran parte delle persone che sono nel movimento, grazie alla Rete , e all'apertura degli eletti (da noi chiamati portavoce dei cittadini) sono molto più vicini e costantemente in contatto con Loro anche se non sono della stessa provincia, molto di più dell'umiliazione che molti ancora subiscono dietro le porte delle segreterie dei partiti degli onorevoli Agrigentini.A molti di loro non importava, perché tanto quel che conta è credere in un cambiamento possibile che passa attraverso la responsabilità di ognuno. Per questa tornata elettorale non si trova nessun Agrigentino in Lista non perchè sono stati relegati alle ultime posizioni dal Movimento di Grillo per poca considerazione, ma paradossalmente perchè pochi agrigentini avevano l'iscrizione certificata in regola con il movimento e non hanno potuto votare le nostre primarie per la composizione della lista . DA NOI NESSUNA IMPOSIZIONE ARRIVA DAI VERTICI tutto avviene democraticamente dalla base, ma con metodo. Ciao

  • Gerlando Grec wrote on 26 febbraio, 2013, 16:34

    Ho appena ricevuto il fax di autorizzazione, ora posso dire la mia da elettore M5S … sei sicuro che abbiamo votato alla cieca? Io credo che i più abbiamo trovato finalmente un programma credibile con degli interlocutori che ascoltano ed interagiscono davvero e soprattutto che davvero mantengono le promesse fatte … basti vedere cosa fanno i 15 deputati all’ARS e la crescita del movimento dalle regionali alle nazionali. Credo sia opportuno prenderci più in considerazione e non considerarci antipolitica o semplice voto di protesta. Dietro Grillo c’è più di una squadra. Riguardo le altre coalizioni … il PD sta facendo la fine che merita tenendosi questa dirigenza. Il PDL credo sia stato trainato non da Alfano quanto dalla capacità comunicativa di Berlusconi. Adesso credo debbano farsi quelle due tre riforme urgenti: legge elettorale, riduzione dei parlamentari e dei loro privilegi, conflitto di interessi, e un po di stato sociale per dare respiro alle famiglie ed alle imprese,e poi di nuovo alle urne per avere a quel punto un governo politico.

  • Roberto Gallo wrote on 26 febbraio, 2013, 15:36

    caro direttore , partendo dalla sua generale ma corretta analisi, vorrei sottolineare alcuni aspetti legati ai risultati elettorali qui dalle nostre parti . Un dato negativo è che PD e PDL alla fine non hanno messo fuori grosse novita' . Tranne eccezioni , hanno trionfato i potenti apparati dei due partitoni mettendo Persone , vecchie o nuove, ma che sono parte integrante della logica degli apparati , oggi si direbbe dell'establishment.. Nessuno me ne voglia , ma sono franco pur chiamandomi Roberto . Debbo ammettere , con amarezza ed autocritica che il nuovo è rappresentato dai grillini . La Gente li ha votati senza sapere chi fossero , come lei direttore ha gia' affermato , e questo è rivoluzionario ed anche superficiale , ma è l'unica novita' in vista. Per Agrigento che dire , spero che i potentati politici del PDL (con cui siamo stati alleati) e del PD si ravvedano , mettano avanti impegno per Agrigento che oramai è alla disperazione sociale , e la smettano di occuparsi solo dei cazzi loro … perche' non so cosa potrebbe accadere. Comunque noi che rappresentiamo La Destra politica ci saremo sempre col cuore avanti il corpo

  • Domenico Vecchio wrote on 26 febbraio, 2013, 16:39

    Non ho detto che hanno votato alla cieca! Ho detto che poco importata chi ci fosse in lista. L’importante era votare M5S. A molti di loro non importava, perché tanto quel che conta è credere in un cambiamento possibile che passa attraverso la responsabilità di ognuno. Nel mio pezzo, che credo tu non abbia ancora letto, nessuno vi considera antipolitica. Piuttosto il contrario e comunque i veri vincitori di questa tornata. Ora è chiaro o è scritto così male da non essere compreso ?

  • Domenico Vecchio wrote on 26 febbraio, 2013, 15:44

    Caro consigliere intanto grazie per il tuo intervento. Come ho detto: Nella città dei templi che vuole, e pretende il cambiamento a cominciare dal governo locale, c’è la speranza che i parlamentari abbiano capito la lezione e sappiano ascoltare non come hanno fatto finora.

  • Domenico Vecchio wrote on 26 febbraio, 2013, 15:47

    Caro consigliere Roberto Gallo intanto grazie per il tuo intervento. Come ho detto: Nella città dei templi che vuole, e pretende il cambiamento a cominciare dal governo locale, c’è la speranza che i parlamentari abbiano capito la lezione e sappiano ascoltare non come hanno fatto finora.

  • Gerlando Grech wrote on 26 febbraio, 2013, 16:49

    Invece l’ho letto … dire che l’importante è votare M5S senza sapere chi si vota è come dire che si è votato alla cieca, o almeno così lo interpreto … forse sbaglio … riguardo all’antipolitica invece ti chiedo scusa, sto leggendo un po di articoli e commenti ed ammetto di aver fatto confusione e ti chiedo scusa

  • oi oligoi wrote on 26 febbraio, 2013, 17:03

    Io non vedo cosa ci sia da essere contenti,se da 1 lato è pur vero che il mov.5stelle abbia conseguito uno storico e meritato risultato in una altrettanto storica roccaforte ante e postdemocristiana,dall’altro vediamo come il pdl riesca a mantenere in citta’e in provincia la solita e folta schiera di accoliti(mi riservo dal definirli diversamente)!!!Se di rinnovamento radicale doveva parlarsi,all’indomani delle elezioni non dovevamo leggere tra gli eletti almeno l’80% di quelli figuranti nelle liste passanti lo sbarramento!!Pertanto,la svolta è palpabile di certo,ma al contempo assistiamo ancora una volta a ignobili e squallidi teatrini,messi in scena 10 minuti prima del voto,che vedranno nei prossimi giorni prevedibili ribaltoni e cambi di casacca di prestigio…

  • Massimo Steiner P wrote on 26 febbraio, 2013, 16:11

    Non critico chi ha votato Berlusconi avendo usufruito da sempre dei suoi privilegi, ma critico chi lo ha votato senza alcun ritorno e usufruendo solo dei suoi danni..

  • Stringalove wrote on 26 febbraio, 2013, 17:39

    Il M5S non vince purtroppo da solo, alla fine le scorie del passato che non hanno passato il barrage sono solo due, gli altri politici di professione già noti per inconsistenza e clientelismo, tornano al ben remunerativo passatempo romano grazie a quello stesso porcellum ed a quelle logiche di partito che sono osteggiatissime dai grillini e da una larghissima fetta della popolazione.
    Un trionfo della collera che è ancora limitato dal partitismo iniquo ed antimeritocratico.
    Mi auguro sia costante questa rottura costruttiva pro-Grillo ed i suoi fantastici semianonimi discepoli e non abbia determinato soltanto una semplice ascesa al podio bicamerale con relativo clamore delle prime settimane, determinando l’abrogazione del porcellum, dei suoi nefasti effetti e dei suoi abominevoli frutti di concepimento sopravvissuti alla buriana elettorale, che al massimo ci faranno ridere per sgangherate interviste radio-televisive a debita distanza dal terribile disastro agrigentino.

  • sac.diego acquisto wrote on 26 febbraio, 2013, 17:47

    Altro che antipolitica….quella dei tagli, della eliminazione degli sprechi, degli assurdi privilegi….ecc.ecc. …dell’onestà…del redditometro x i politici…quella sì è la VERA POLITICA come avrebbe dovuto e dovrebbe essere !

  • Francesca wrote on 26 febbraio, 2013, 18:04

    Solita bella analisi del direttore. Sono contenta per 5S anche se non l’ho votato e mi auguro che facciano il bene della comunità.Dovrebbero appoggiare il governo almeno nelle cose giuste, che vogliamo, scritte da Gerlando G.: legge elettorale, riduzione dei parlamentari e dei loro privilegi, conflitto di interessi, e un po di stato sociale per dare respiro alle famiglie ed alle imprese,e poi di nuovo alle urne per avere a quel punto un governo politico.Per quanto concerne il PDL la solita delusione.Qui anche se sappiamo cosa non hanno fatto in questi 20 anni di governo li votano e sappiamo anche chi li vota, chi non vuole lavorare e coloro che sono stati ingannati dalla restituzione dell’IMU.Si sono chiesti i comuni che farebbero senza questa legge?? Ad Agrigento il nostro, nonostante l’IMU ha aumento l’addizionale comunale del 100% e servizi niente. Per rimpinguire le casse comunali, delle fesserie del passato (e chi c’era al governo???) c’è ne vuole di IMU.
    Speriamo bene,mi auguro che 5S si comporti come “revisore e garante” dei ns. diritti di cittadini, lavoratori etc.
    Un ultima cosa sui nomi degli “eletti” di Agrigento, siamo proprio a zero! Speriamo che funzioni la rete, perchè quelli che hanno mandato a Roma non mi sembra che fanno i ns. interessi.

  • gio di falco wrote on 26 febbraio, 2013, 18:40

    il voto ai grillini è il grido di disperazione di un popolo vessato e preso in giro per decenni da chi,pensando solo alla sua “parrocchia” ha creato un sistema politico di clientelismo-mafioso che ha ridotto l’Italia al pari della Grecia se non peggio!
    Qui la politica ha sostituito gli uffici di collocamento ponendo tutto sul “se mi voti avrai altrimenti resti isolato” e la conferma arriva dalla “calata” di medici e avvocati in politica che hanno portato migliaia di voti. Chi ha votato 5 stelle ha detto, anzi ha gridato, “BASTA” a questa delinquenza strapagata che deteine le sorti e ahimè la vita ( i suicidi non si contano più9 della povera gente! A tutti quelli che ci sono già stati dico solo : VERGONATEVI! Agli altri auguro buon lavoro!

  • Gio Gibran Di Falco wrote on 26 febbraio, 2013, 17:40

    il voto ai grillini è il grido di disperazione di un popolo vessato e preso in giro per decenni da chi, pensando solo alla sua “parrocchia” ha creato un sistema politico di clientelismo-mafioso che ha ridotto l’Italia al pari della Grecia se non peggio!
    Qui la politica ha sostituito gli uffici di collocamento ponendo tutto sul “se mi voti avrai altrimenti resti isolato” e la conferma arriva dalla “calata” di medici e avvocati in politica che hanno portato migliaia di voti. Chi ha votato 5 stelle ha detto, anzi ha gridato, “BASTA” a questa delinquenza strapagata che detiene le sorti e ahimè la vita ( i suicidi non si contano più) della povera gente! A tutti quelli che ci sono già stati dico solo : VERGONATEVI! Agli altri auguro buon lavoro!

  • Armando Spaziani wrote on 26 febbraio, 2013, 17:52

    sottoscrivo tranne il riferimento alla Grecia. Non siamo a quei livelli economici. Dal punto di vista dell'etica morale, forse siamo messi anche peggio

  • virgilio wrote on 26 febbraio, 2013, 19:22

    perfettamente concorde con oi oligoi. Mi piacerebbe che qualcuno dei signori che erano presenti al comizio di Alfano mi spiegasse (se ne ha voglia)le ragioni di tanta fedeltà e ammirazione. Magari la prossima volta non voterò più m5s ma il partito di questo illustre concittadino.

  • Ornella wrote on 26 febbraio, 2013, 20:03

    Analisi come sempre perfetta. Devo ammettere che a sentire i nomi degli altri c’è poco da stare tranquilli ma credo che un segnale forte sia stato dato e lei come sempre è riuscito a spiegarlo a tutti in modo impeccabile. Grazie mio Director

  • Deborah wrote on 26 febbraio, 2013, 21:46

    Nella situazione in cui ci troviamo oggi si può solo affermare che non ha vintovnessuno ma abbiamo perso noi cittadini italiani e tutta l’ Italia!! Con questa legge elettorale non si può mai avere una vera governabilità! Io spero soltanto che ci sia possibilità di dialogo tra i partiti andando incontro al volere dei cittadini.

  • giuseppe capone wrote on 27 febbraio, 2013, 9:52

    Sono un agrigentino di 44 anni. Ho conosciuto personalmente tutti i politici anche i più noti della città e sinceramente me ne vergogno……Trattasi infatti di una sottospecie di amministratori che come unico obiettivo hanno il loro tornaconto personale. Nessuno ha mai pensato al bene comune ma solo ad un arricchimento personale. A cominciare dal primo gradino politico (consigliere comunale) che viene ormai visto come un posto di lavoro a tempo determinato ai massimi organi politici (capite a chi mi riferisco). Mai una parola spesa per Agrigento che purtroppo ormai è morta. Per cui una nuova forza partita assolutamente dal basso come M5S non può che essere considerata l’ultima speranza per una città che ha cambiato tutta una serie di politici per poi non cambiare mai. Da attento osservatore della politica provinciale, l’unico esempio di buona politica,l’abbiamo avuto a porto empedocle con un sindaco che di buzzo buono ha lavorato veramente per la sua città. Risultati ? porto empedocle più vivibile, cittadini contenti del proprio amministratore tanto che l’hanno rieletto con una percentuale bulgara. Così si amministra una città…. uno staff personale che ti controlla i bandi pubblici, collaborazioni con privati agevolate sempre per il bene della città ed ecco ora porto empedocle che inizia a sollevare la testa. per rirornare ad Agrigento, la città ormai si trova, anche per i problemi di bilancio, in una fase di stallo assoluto. non può investire perchè non ci sono soldi e a malapena riesce a coprire le falle di un’amministrazione ordinaria coprendo qualche buca e pagando a stento gli stipendi dei pur tanti dipendenti pubblici. Le soluzioni ci potrebbero essere ma il problema vero è che non esiste una programmazione strategica. Il primo cittadino, persona onesta ma priva di inventiva e cultura strategica, non ha mai orientato la città verso un preciso obiettivo economico……l’unico secondo me plausibile è il turismo. Una volta stabilito come obiettivo finale, lo sviluppo del turismo, doveva necessariamente creare leggi e norme agevolative del turismo. Si poteva sburocratizzare l’apertura di strutture e attività turistiche ..e tutto questo non è mai stato fatto. Ironia della sorte , conosco strutture turistiche agrigentine che dovendo necessariamente sfruttare una mole di terreno notevole per ricevere i turisti, sono in contenzioso con chi li governa per il pagamento della tassa della spazzature….GLII AVEVANO CHIESTO ANNUALMENTE 60.000 €…..capite bene che ad oggi ad Agrigento chiedere questa cifra solo per pagare la spazzatura è veramente un omicidio commerciale. Non si è mai partecipato a bandi regionali, io, per il mio lavoro, li seguo settimanalmente e mi angustio quando vedo tutti i possibili paesini siciliani che prendono contributi ed Agrigento ? volete sapere qual’è il motivo? al comune non esiste uno staff di consulenti/dipendenti che segue i bandi siciliani/italiani/europei. C’era prima uno staff al Comune anni addietro, ma lo stesso non ha ottenuto nessun risultato perchè all’interno dello stesso c’erano una serie di incompetenti messi lì solo per prendere uno stipendio e non per particolari capacità. C’era da salire sull’autobus delle energie alternative, niente. Agrigento non solo non ha realizzato nulla ma addirittura è riuscita ad essere una delle poche città che non ha chiesto una roialty ad un privato che ha sfruttato del terreno comunale per realizzare un parco eolico. questo perchè ? i più alti politici del comune e non mi riferisco a marco, o hanno preso delle prebende oppure erano così sprovveduti dal non sapere che il comune, a fronte di un danno ambientale (molto molto relativo) poteva richiedere un compenso, che pur minimo, avrebbe contribuito ad aumentare le asfittiche casse comunali. Potrei ancora dilungarmi tantissimo, essendo stato per circa sei anni revisore del comune, ma forse tedierei le persone che avranno il piacere di leggere questo lungo commento. Finisco col dire che essendo un inguaribile positivo , credo ci sia ancora la possibilità di sviluppare agrigento e per questo ben vengano forze nuove come M5S sempre che questi giovani vogliano solo ed esclusivamente il bene della città. Ci vuole un cambiamento, una spirale evolutiva e come diceva grillo nel suo tour, ognuno di noi può destinare un pò del proprio tempo alla res pubblica….il primo io gratuitamente potrei spendermi per Agrigento…mi è pure capitato, ma ad esempio al comune, solo perchè presentavo bandi (uno di questi è stato approvato e poi scippato da un avvocato che lavorara al comune) sono stato emarginato e considerato concorrenza da questo fantomatico professionista che tutto ha fatto meno che portare finanziamenti al comune. Pertanto concludo che, pur in un conteso generale di crisi, potrebbero esserci ancora possibili soluzioni …ma forse se ne riparlerà con la prossima elezione sperando che a capo della città ci sia una persona che non segue quel partito anziché un altro solo per continuare una carriera politica du cui non si ricorderà mai nessuno, ma un giovane che ha a cuore la città e che veramente intende spendersi intelligentemente per una perla ancora grezza come agrigento……

Trackbacks

  1. ELEZIONI: quel "Patto" vince sempre - Agrigento Oggi | Agrigento Oggi

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023