Una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, al Ministro dell’Interno, Marco Minniti, al Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede e ai responsabili provinciali delle forze dell’Ordine, è stata inviata questa mattina dal sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, per denunciare, senza fare allarmismi, la situazione di disagio che si è venuta a creare in città a seguito di una serie di cosiddetti sbarchi incontrollati o fantasma.
Come aveva già evidenziato tempo fa al Ministro Minniti, il sindaco Lillo Firetto nella lettera è tornato a chiedere il potenziamento dei servizi di controllo da parte delle forze dell’ordine per garantire la sicurezza, fronteggiare il fenomeno e assicurare l’identificazione dei migranti, i controlli medici e l’assistenza di cui questi soggetti necessitano.Nel ricordare che la città di Agrigento è sempre stata in prima linea sul fronte dell’accoglienza, Lillo Firetto scrive: “Un rafforzamento delle forze di polizia, sia di mezzi che di risorse umane, è ciò che gli agrigentini si aspettano per continuare il percorso di integrazione e di sostegno che è in atto da tempo e che rappresenta un valore fondamentale per una comunità come la nostra, che di multiculturalità ha intriso profondamente la sua storia e che sulla multiculturalità immagina il suo futuro”.

Ultima modifica: 20 ottobre 2017