Provincia, l’aumento Rc auto non passa ! Lazzano : votata la mia mozione

Con quattordici voti a favore e dodici astenuti il Consiglio provinciale ha votato contro l’aumento del Rc Auto, voluta dal Presidente Eugenio D’Orsi. Nell’ultima seduta è’ passata quindi a maggioranza la mozione presentata dal Consigliere Mario Lazzano, primo firmatario contro l’aumento della tassa RC auto in provincia di Agrigento, pari al 3,5%.

“D’Orsi non ha più una maggioranza in Consiglio e deve prenderne atto”. Ha dichiarato il Consigliere Lazzano che ha aggiunto:

” MPA e PD hanno espresso il voto con l’astensione, accettando di fatto, che quella imposizione che D’Orsi e la sua giunta aveva adottato non è nemmeno piaciuta a chi fino ad oggi appoggia D’Orsi come Presidente della Provincia”.

I dettagli:

Agrigento, 1 Agosto 2012

​Il Consiglio provinciale ha approvato, ieri sera la mozione del Consigliere Lazzano che chiede al Presidente D’Orsi di revocare l’aumento della Rc Auto e a non inserire tale aumento nel bilancio di previsione.
​La mozione è stata approvata con 14 voti favorevoli e 12 astenuti. Hanno votato a favore i Consiglieri Avarello, Bennici, Buscemi, Gentile, Girasole, Roberto Gallo, Lazzano, Martello, Nobile, Paci, Picone, Testone, Spoto, Zarbo. Si sono astenuti Riccardo Gallo Afflitto, Giovanni D’Angelo, Di Ventura, Guarraci, Masone, Militello, Montaperto, Ripepe, Scozzari, Tavormina, Terrazzino, Vinci. Successivamente il Consiglio ha deciso, a maggioranza, di aggiornare i lavori a martedì 7 agosto.
​Nella seduta di ieri erano presenti per l’Amministrazione il Presidente Eugenio D’Orsi, il Vice Presidente Paolo Ferrara e gli Assessori Varisano, Marchetta, Terrana, Montana e Schembri.
​I lavori sono iniziati con le dichiarazioni dei voti dei Consiglieri Provinciali, dopo che il Consigliere Testone aveva chiesto notizie sulla procedura dei lavori d’aula. Per dichiarazione di voto sono intervenuti il Consigliere Masone il quale ha chiesto al Consigliere Lazzano di ritirare la mozione e approvare un ordine del giorno per verificare in sede di bilancio la possibilità di fare una spending review. Il Consigliere Ripepe ha chiesto se la mozione, una volta approvata avrebbe influenzato il bilancio. Il Consigliere Ivan Paci ha ribadito a nome del Pdl il voto favorevole alla mozione. Paci ha definito strumentale la proposta del Consigliere Masone di ritiro della mozione ritenendo che non c’erano più le condizioni per ritirarla.
​Il Presidente D’Orsi ha ricordato come, a seguito dei numerosi tagli ai trasferimenti da parte dello Stato, su molti capitoli di spesa dei vari Assessorati non vi siano che poche migliaia di euro. Ha inoltre ricordato come tutte le province d’Italia siano state obbligate ad aumentare la Rc Auto per tutelare l’Ente non pregiudicare il patto di stabilità e non creare problemi al funzionamento dell’Ente ed ha definito l’aumento della Rc Auto una decisione impopolare, fatta a tutela dell’Ente amministrato.
​Il Consigliere Avarello, a nome del gruppo misto, ha ribadito il voto favorevole alla mozione lamentando il metodo con il quale l’amministrazione ha approvato l’aumento della tassa.
​Il Consigliere Scozzari a nome del M.p.A. ha dichiarato l’intenzione del gruppo di astenersi.
​Il Consigliere Guarraci, pur ritenendo l’argomento abbastanza delicato, si è detto dispiaciuto per il mancato coinvolgimento del Consiglio dichiarando la sua astensione sul provvedimento per senso di responsabilità. ​
​Dopo l’approvazione della mozione è intervenuto il Consigliere Lazzano il quale ha preso atto che il Presidente D’Orsi non ha una maggioranza in Consiglio, ringraziando i consiglieri che hanno votato la mozione e quelli che si sono astenuti.
​Il Consigliere Ripepe ha chiarito che la sua astensione è legata al fatto che l’approvazione della mozione può avere conseguenze sul bilancio dove è stata inserita la progettazione della SS.189 a cui non intende rinunciare, sentendo sulle sue spalle le croci delle vittime di incidenti stradali.
​Il Presidente D’Orsi sull’esito della mozione ha voluto sottolineare due aspetti, quello politico colto dal Consigliere Lazzano sulla mancanza di una maggioranza in Consiglio e quello legato alla situazione finanziaria dell’Ente, gravemente compromessa per i tagli al bilancio. D’Orsi ha ricordato come sia facile parlare di salvataggio dei precari quando a dicembre esiste il serio pericolo che non sia possibile prorogare i contratti. Il Presidente D’Orsi ha poi spiegato che l’aumento della R.c. auto era un atto dovuto dettato da problemi di natura finanziaria che avrebbero portato gravi conseguenze per l’Ente e di avere assunto questa decisione, in solitudine, per il bene della Provincia. D’Orsi ha anche ricordato di avere trovato, al suo insediamento una situazione debitoria di 130 milioni di euro che è riuscito ad annullare grazie anche al contributo del Consiglio Provinciale che ha condiviso la politica di rigore finanziario portato avanti in questi anni.
​Il Consiglio, su proposta del consigliere Scozzari, ha poi rinviato i propri lavori a martedì 7 agosto alle ore 19:00.
​Restano da discutere oltre alla mozione del consigliere Scozzari sulle tariffe di Girgenti Acque, l’esame del Piano triennale delle Opere Pubbliche, del piano delle alienazioni e della valorizzazione dei beni provinciali e del Bilancio di previsione 2012.
​Il Consiglio ha inoltre integrato il proprio ordine del giorno con altre quatto proposte. Si tratta di un riconoscimento di un debito fuori bilancio, della Costituzione società consortile per azioni, denominata “Società per la Regolamentazione del Servizio di gestione rifiuti A.T.O. n. 4 – Agrigento Provincia Est” – Approvazione schemi Statuto e Atto Costitutivo, della costituzione società consortile per azioni, denominata “Società per la Regolamentazione del Servizio di gestione rifiuti A.T.O. n. 11- Agrigento Provincia Ovest” – Approvazione schemi Statuto e Atto Costitutivo e della nomina dei nuovi componenti del collegio dei Revisori dei Conti.
​“Per sopperire alle notevoli riduzioni delle entrate correnti subite negli ultimi anni – - ha dichiarato il presidente D’Orsi a margine della riunione di Consiglio – l’Amministrazione ha ritenuto di aumentare l’aliquota dell’imposta in oggetto nella misura di 3,5 punti percentuali, con un’incidenza annua nei confronti dei cittadini minima da 10 a 15 euro, stimando un maggiore gettito del tributo nel corso dell’anno 2012 di circa 2 milioni di euro con decorrenza dell’aumento nell’anno in corso il 1 giugno 2012, cioè il secondo mese successivo alla pubblicazione della deliberazione sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Si pensi, ad esempio, – aggiunge D’Orsi – all’andamento dei contributi statali ordinari spettanti a questo Ente che sono stati di 16.855.735 euro per il 2010, di 13.203.994 per il 2011 e di appena 7.007.449 euro per l’anno in corso. cui si aggiungono gli ulteriori tagli di cui al recentissimo decreto di ” Spending Review”.

Infomazioni autore

ha scritto 12526 commenti su questo blog.

6 Commenti on “Provincia, l’aumento Rc auto non passa ! Lazzano : votata la mia mozione”

  • francesco wrote on 2 agosto, 2012, 14:36

    lui vuole l’aumento dell’RCA, ma in barba alle leggi circolava in moto senza maglietta e senza casco.
    ritirategli la patente!!!!!!!!!

  • Pierino wrote on 2 agosto, 2012, 19:45

    D’Orsi è disperato per lo smacco ricevuto dalla sua stessa maggioranza (MPA-PD) che gli ha voltato le spalle astenendosi durante la votazione sulla mozione Rc Auto.
    Ottima posizione quella manifestata dai consiglieri del pdl.

  • virgilio wrote on 2 agosto, 2012, 21:08

    con la testa dura che si ritrova il casco non gli serve

  • CALOGERO wrote on 3 agosto, 2012, 13:10

    Povero D’Orsi, processato dalla Magistratura, umiliato e abbandonato anche da quelle forze politiche presenti in Giunta (per tutti i Ciminiani) che non hanno fatto nulla per salvargli almeno la faccia!
    Se lo stesso D’Orsi avesse un minimo di orgoglio manderbbe tutti a quel paese, tanto non ha nulla più da perdere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Marcello wrote on 3 agosto, 2012, 20:24

    D’Orsi farebbe bene ad azzerare la giunta tanto nessun partito lo ricandida più ne l ‘MPA di Di Mauro che pare la abbia scaricato ne altri partiti.

  • Ufficio stampa Gruppo Consiliare PDL wrote on 3 agosto, 2012, 23:22

    Provincia Regionale di Agrigento
    GRUPPO CONSILIARE PDL
    UFFICIO STAMPA

    03/08/2012

    COMUNICATO STAMPA

    Provincia regionale, il Pdl: “D’Orsi ritiri la delibera che ha aumentato la RC auto,ritiri il bilancio di previsione 2012 per riformularlo avuto riguardo di concertarlo con i gruppi ,in caso contrario,rassegni le dimissioni dalla carica di Presidente della provincia come ha già fatto il suo leader Lombardo dell’MPA”.
    In particolare i consiglieri Ivan Paci e Mario Lazzano hanno chiesto le dimissioni di D’Orsi tuonando contro la sua politica “fatta di aumenti e nessun taglio delle spese improduttive”
    Alla presenza del Coordinatore provincia del PDL on.Nino Bosco,che ha definito l’amm.ne D’Orsi “la peggiore degli ultimi decenni”, il gruppo Consiliare del popolo della Libertà alla Provincia Regionale di Agrigento,durante la Conferenza stampa,ha espresso profonda amarezza per la mala gestione del Presidente D’Orsi.
    In particolare Iva Paci Capogruppo, e Mario Lazzano Vice Presidente Vicario del Cons.Prov.le hanno chiesto le dimissioni di D’Orsi tuonando contro la sua politica “fatta di aumenti e nessun taglio delle spese improduttive (taglio degli Assessori,taglio delle indennità accessorie a tutti i Dirigenti,alienazioni delle proprietà immobiliari,rivisitazione dei canoni di locazione,vendita dei relitti stradali,ecc.ecc.) Non si capisce poi ,affermano i due esponenti”quali e quanti sono i progetti richiesti e finanziati dall’Unione Europea?Ci piacerebbe saperlo”,azzerare tutte le consulenze.
    Paci e Lazzano, si riferiscono alla recente questione che ha riguardato l’aumento dela RC Auto posta in essere con atto Deliberativo di giunta lo scorso mese di maggio con effetto immediato a decorrere dal 1 giugno c,a.”inaccettabile quando si preferisce impegnare somme per 500 mila euro per assumere Guardia Caccia” A tal proposito la maggioranza è andata sotto con 14 voti favorevoli e 12 astenuti sulla mozione d’indirizzo che chiede alla Giunta D’Orsi di ritirare l’atto deliberativo e conseguentemente l’intero impianto di Bilancio di previsione 2012, anche alla luce del rinvio dato dalla Conferenza Stato Regioni che da la scadenza per l’approvazione degli strumenti finanziari degli EE.LL al 31 ottobre p.v.
    “E’ risaputo-afferma Lazzano- che il PDL è il partito contro laumento delle tasse,non possiamo tollerare che i Cittadini debbano pagare più di quanto gli spetterebbe”.
    “Gli fa eco il Capogruppo Ivan Paci che parla “di politica di putia (bottega)” e di un D’Orsi che non ha mai voluto avviare un confronto con l’opposizione per capire comunemente come sarebbe stato possibile fare fronte ai tagli della spending review senza,di converso,tartassare i Cittadini inutilmente
    Durante l’ultima seduta del 1 agosto u.s. qualcuno dell’MPA ha votato favorevolmente la mozione contro l’atto posto in essere dal Presidente D’Orsi. Anche per questo gli esponenti del PDL parlano di una maggioranza che non esiste più.
    “La mera gestione del potere,il non volre ridurre il numero degli Assessori cosi come sera stato votato con un’altra precedente mozione in Consiglio,rappresentano solo alcuni dei tanti motivi per cui D’Orsi debba prendere l’esempio del suo leader Lombardo: dimettersi invece di mettere inopportunamente le mani nelle tasche dei Cittadini Agrigentini”.
    Erano presenti alla Conferenza Stampa di oggi i Consiglieri .Ivan Paci,Mario Lazzano,Nicolò Testone,Angelo Bennici,Gioacchino Zarbo e il Coordinatore Prov.le on.Nino Bosco.

    F.to Ufficio Stampa Gruppo Consiliare Pdl

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023