La Corte dei Conti chiede 3 milioni di Euro all’ex sindaco di Porto Empedocle Lillo Firetto e all’ex direttore finanziario Salvatore Alesci. I due devono rispondere di danno erariale quando Firetto era a capo del comune empedoclino. Sarebbe stato utilizzato denaro per finalità diverse. Per Firetto, le contestazioni attengono alle modalità concrete di impiego delle somme, quali il sindaco non ha potuto né avrebbe potuto avere alcun ruolo e si dichiara disposto a dare chiarimenti nella sede appropriata. La notizia è riportata più dettagliatamente sul quotidiano La Sicilia

Ultima modifica: 26 ottobre 2017