Partita stupenda al PalaFerraris: l’analisi dei due coach

Franco Ciani e Marco Ramondino, rispettivamente coach di Agrigento e Casale Monferrato, hanno esaminato così, in sala stampa la partita di domenica terminata 81 -79 per i locali.

Partita stupenda al PalaFerraris: un tempo per uno, ma sono i rossoblu a spuntarla (83-79). Severini decisivo con 4 triple, Tomassini glaciale nella rimonta.

Coach Franco Ciani:E’ stata una partita tra due squadre che hanno onorato il livello del campionato e della classifica: Agrigento è un gruppo di giocatori che vogliono arrivare dove magari nessuno se lo aspettava a inizio stagione e l’atteggiamento anche di questa sera lo dimostra. Credo che per nessuna squadra sarà facile venire qui e combattere ad armi pari arrivando a un solo tiro dall’ipotetica vittoria o dal supplementare contro la squadra che al momento è la più informa del campionato. Inoltre sono molto orgoglioso di aver realizzato 79 punti contro quella che è la miglior difesa; la svolta della partita è rappresentata sono dalle tre bombe in fila. Abbiamo comunque dimostrato di non arrenderci mai e di avere il coraggio di fare tiri che bruciavano come quello di Pepe“.

Coach Marco Ramondino: “Non dobbiamo guardare la classifica ma dobbiamo concentrarci sulla bellissima e dura partita come ci aspettavamo. Questo ultimo fatto lo dimostra da come la squadra abbia reagito ai problemi che ci metteva davanti Agrigento, che si conferma ancora una volta una squadra tostissima. Nel primo tempo sono stati bravissimi a leggere la nostra difesa, mentre noi siamo stati un po’ timidi e sbadati; nel terzo quarto siamo usciti dalla situazione di imbarazzo con una situazione completamente diversa. Credo ci siano errori che per quanto io mi possa arrabbiare, non c’è una soluzione immediata: un certo tipo di cattiveria è impossibile richiederla ad alcuni perchè comunque hanno poca esperienza. Dobbiamo essere veramente contenti perchè Agrigento mi ha dato l’impressione di essere una grandissima squadra, ma noi abbiamo ottenuto una vittoria da una squadra altrettanto grande. Un’altra settimana da primi in solitaria non se lo sarebbe aspettato nessuno“.

Ultima modifica: 30 ottobre 2017