Operazione Montagna, quei 600 euro destinati a Fragapane, “messi in tasca” da un favarese



Operazione Montagna, quei 600 euro destinati a Fragapane, “messi in tasca” da un favarese

Emergono particolari dalle carte dell’inchiesta che ha portato al blitz antimafia denominato “Operazione Montagna”.


Uno di questi riguarda una intercettazione dove due coinvolti, Calogerino Giambrone e Giuseppe Luciano Spoto, parlano di 600 euro che “i calabresi hanno mandato per la famiglia di Francesco (Fragapane)… Non sono arrivati… Se li è messo in tasca lui”. Lui, secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori sarebbe Giuseppe Quaranta, favarese.

La notizia sarebbe stata appresa da Giambrone da ambienti calabresi e Spoto avrebbe rappresentato a questultimo la necessità di farlo sapere proprio allo stesso Fragapane “gli si deve dire aFrancesco…”.

Sembra che a Quaranta, invece, fu riferito di non occuparsi più delle cose realtiva alla famiglia Fragapane.

Lo riporta il quotidiano Giornale di Sicilia di questa mattina.

 

Ultima modifica: 24 gennaio 2018