Morte di Paolo Stagno, l’Avv. Mazzotta: “I compagni di caccia non hanno nulla da nascondere”



I compagni di caccia di Paolo Stagno non hanno sparato nemmeno un colpo e garantiscono la massima collaborazione agli inquirenti non avendo nulla da nascondere”.

Lo sostiene l’avvocato Serafino Mazzotta, legale che ha assistito nell’interrogatorio le persone che erano in compagnia di Paolo Stagno, l’operaio di 51 anni, di Montallegro, morto l’altra domenica a seguito di un incidente accaduto durante una battuta di caccia.

Massimo riserbo sulle indagini che proseguono ad ampio raggio.

Ultima modifica: 4 dicembre 2017