Dopo la manifestazione organizzata dai tifosi relativamente alla situazione dell’impianto d’illuminazione è ora di tornare a parlare di calcio giocato. Si giocherà infatti domani l’undicesima giornata di campionato, con l’Akragas che sfiderà la Sicula Leonzio allo stadio “Angelo Massimino” di Catania. Fischio di inizio fissato per le ore 14.30. Akragas che ha finora disputato dieci partite collezionando nove punti, Leonzio che ha invece giocato otto partite incassando anch’essa nove punti. Organico alla mano, la Leonzio ha quel pizzico di esperienza in più che potrebbe avvantaggiarli, ma come ben si sa, nel campionato di Serie C a far da padrone sono l’intensità e la velocità di gioco, con l’Akragas che quindi farà la sua partita cercando di portare i tre punti ad Agrigento. I bianconeri guidati da mister Pino Rigoli affronteranno la gara con un 4-3-3, marchio di fabbrica del tecnico ex Akragas, che punta molto sulle ripartenze e sulla duttilità dei due esterni alti, che dovrebbero essere Arcidiacono e Bollino. L’Akragas ribatterà con un 3-5-2 con Vono in porta; Mileto, Danese e Russo in difesa; Scrugli, Carrotta, Vicente, Longo e Sepe a centrocampo e la coppia Salvemini-Parigi in attacco.

Vediamo dunque la formazione per esteso:
(3-5-2) Vono, Mileto, Danese, Russo, Scrugli, Carrotta, Vicente, Longo, Sepe, Salvemini, Parigi.

Gli altri giocatori a disposizione per l’Akragas:
Lo Monaco, Caternicchia, Ioio, Pisani, Saitta, Rotulo, Bramati, Navas, Franchi, Gjuci, Moreo.

Alessandro Provenzano (tifoso dell’Akragas)

Ultima modifica: 27 ottobre 2017