Legambiente riporta dei dati allarmanti riguardo le performance ambientali 2017, le città siciliane occupano quasi tutti i posti bassi della classifica. Se l’Italia è ancora lontana rispetto gli standard europei, la sicilia è lontana rispetto ad altra città italiane.

Legambiente, la gestione dei rifiuti

Anche se per la redazione della classifica si considerano sedici indicatori comprendenti acqua, aria, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia, ciò che allarma maggiormente i capoluoghi siciliani è la gestione rifiuti. Sono ancora troppe le città che si trovano in difficoltà nella gestione dei rifiuti urbani, difficoltà spesso dettate da condizioni economiche disastrose e continui scioperi da parte dei netturbini. La spazzatura viene così gettata per le strade con l’inevitabile aumento dell’inquinamento generale. Il commento di Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, non si è fatto attendere e le parole sono state durissime. Così si legge nel comunicato stampa di Legambiente: “La Sicilia ancora una volta brilla per la mancanza di politiche che riguardano la vivibilità e l’ambiente. I numeri parlano fin troppo chiaro, con ben  città siciliane ad occupare gli ultimi otto posti della classifica e dimostrano la totale indifferenza dei governi regionali e comunali.”

A seguire, lo scorcio di classifica che interessa la nostra Regione

 

Ultima modifica: 30 ottobre 2017