Lampedusa, un uccello raro tra gli scatti di Aldo Lauricella



Fotografa un uccello raro a sua insaputa. Aldo Lauricella, grande appassionato di Birdwatching, si è ritrovato il 30 ottobre scorso a fotografare, a Lampedusa, il Lanius Isabellinus, questo il nome scientifico della rarità avvistata per la prima volta nella più grande delle Pelagie. L’uccello, a detta degli esperti, è stato classificato come il 13° esemplare raro in tutta Italia. Una sua singolare peculiarità è quella di infilzare le prede dopo la cattura in spine.
Il maschio adulto presenta le parti superiori, dalla testa al groppone, di colore dal beige chiaro al sabbia chiaro, con spesso una sfumatura più chiara sulla testa e sul groppone. La parte bassa del groppone, le sotto-caudali e la coda sono rosse come nel codirosso. Le ali sono di colore marrone scuro, con i bordi delle remiganti e delle copritrici beige chiaro, più o meno visibili a seconda dell’usura del piumaggio. La base bianca delle primarie forma una macchia bianca in mezzo all’ala, dietro le copritrici primarie. Una striscia nera passante attraverso l’occhio, di colore scuro, che contrasta nettamente con lo sfondo chiaro, segna i lati della testa. La striscia è sormontata da un sopracciglio chiaro, poco marcato o pressoché indistinguibile. Il becco è nero. Le parti inferiori sono color crema-rossastro, con i fianchi nettamente spruzzati di ruggine. Le zampe sono marrone scuro. La femmina adulta somiglia al maschio, ma presenta colori del piumaggio meno pronunciati e meno contrastanti. Per esempio, la striscia sopra l’occhio è marrone, non nera, e molto meno definita. La base del becco è di colore roseo. La macchia bianca delle primarie è meno evidente e talvolta impercettibile. Le zampe sono di un marrone più chiaro. Infine, si possono distinguere alcuni deboli bordi scuri sulle copritrici dei lati del petto e dei fianchi che rompono l’uniformità del piumaggio ventrale.Sta posata sulla sommità dei cespugli e rispetto all’averla piccola tende più spesso a muovere la coda su e giù.
A fine marzo-inizi aprile 2018 lo scatto dell’attento e bravissimo fotografo Aldo Lauricella, sulla meglio nota Averla Isabellina, verrà pubblicato sulla rivista Quaderni di Birdwatching, nella rubrica che si occupa delle rarità italiane. Già la foto è stata inserita nella sezione “rarita’” del sito di EBN ITALIA.  Soddisfazione esprime lo stesso Lauricella. Una grande emozione per lui l’aver saputo e confermato dall’esperto Andrea Cusmano che ciò che aveva immortalato in una delle sue foto rappresentava quasi un’esclusiva, un primato, vista la rarità. Chissà che magari tra i suoi tanti scatti non fotografi ancora qualche altro volatile particolare.

Ultima modifica: 15 novembre 2017