Lampedusa:   Sventata la fuga dall’aeroporto – comunicato stampa .

Quando hanno ricevuto la richiesta d’intervento presso l’aeroporto dell’isola, i militari dell’Arma pensavano di imbattersi in un ordinario controllo di documenti.

Ed invece, si è scoperto che un tunisino ospite presso il locale Hot Spot, avvalendosi di una carta d’identità risultata contraffatta, aveva appena acquistato un biglietto aereo per Palermo, allo scopo quindi di fuggire dall’isola. Effettuati subito i necessari accertamenti, i Carabinieri hanno sequestrato sia il biglietto sia il documento falsificato, verificando poi le reali generalità del tunisino, C. S., 27 enne, sbarcato a Lampedusa il 30 Novembre u.s., il quale è stato riaccompagnato presso l’Hot Spot di Contrada Imbriacola.

Nel corso dei servizi di prevenzione generale, i militari dell’Arma hanno fermato lungo una pubblica via un altro tunisino, il quale alla vista delle uniformi aveva mostrato un inconsueto nervosismo. I militari dell’Arma impegnati nel servizio di pattuglia hanno cosi’ deciso di fermare lo straniero. Nel corso dei successivi ed approfonditi controlli sulla sua identità svolti presso la locale Stazione Carabinieri, è emerso che il tunisino era stato già espulso dall’Italia nell’anno 2013 e nonostante ciò era illegalmente rientrato sul territorio nazionale. Pertanto, è scattato l’arresto in flagranza nei confronti del 22 enne tunisino, il quale è stato ristretto agli arresti domiciliari presso l’Hot Spot su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Ultima modifica: 16 dicembre 2017