La Dedalo ambiente licenzia 23 lavoratori nell’Agrigentino



Si sono rifiutati di firmare un licenziamento “concordato” e quindi sono stati licenziati dalla Dedalo ambiente Spa, società in liquidazione che fino a poco tempo fa si occupava del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nell’Ato Ag3 di Licata, che comprendeva anche i Comuni di Campobello di Licata, Naro, Camastra, Palma Di Montechiaro, Ravanusa e Canicattì. Si tratta di 23 lavoratori che hanno ricevuto la lettera di licenziamento a firma del commissario liquidatore, Rosario Miceli. A difesa di questi operai interviene il segretario della Confael, un sindacato autonomo, Manlio Cardella.

«La Dedalo Ambiente – dice Cardella – aveva già provveduto a licenziare i 200 operai che avevano firmato il provvedimento, dicendo addio ad ogni spettanza che la Dedalo poteva riconoscergli, propedeutico al passaggio alla Srr. Adesso la stessa Dedalo emana un altro licenziamento collettivo di 23 lavoratori. Questo secondo provvedimento è stato la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso». (Paolo Picone)

Ultima modifica: 17 luglio 2017