“La carica delle 104”, chieste condanne in abbreviato per medici e pazienti



Continua “La carica delle 104” , il giro di false invalidità. In dieci hanno scelto di non essere giudicati con il processo ordinario.  Il pm Maggioni, titolare dell’inchiesta, ha chiesto per le 10 persone imputate condanne da 2 a 4 anni e mezzo. Chiesti 2 anni per Antonino Cinà, medico otorino di 59 anni; per Giuseppe Cuffaro, 35 anni, di Raffadali, 3 anni di reclusione; per Antonia Matina, 59 anni di Favara, ortopedico, 4 anni e 6 mesi di reclusione; per Patrizia Ibba, 39 anni, di Raffadali, sono stati chiesti 3 anni e 4 mesi, mentre per il fratello Roberto, 42 anni, 3 anni di reclusione; 2 anni e 6 mesi sono stati chiesti per Domenico Giglione, 48 anni, di Raffadali, per la madre di questi, Eleonora Moscato, 82 anni, Vincenzo Gaziano, 64 anni, di Agrigento, Giuseppe Aquilino, 57 anni, di Palma di Montechiaro e Giuseppa Barragato, 42 anni, sempre di Palma di Montechiaro.

Ultima modifica: 24 ottobre 2017