I carabinieri di Casteltermini hanno arrestato – sabato sera – due fratelli del posto, Vincenzo e Calogero Falcone, 20 e 26 anni, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari del locale comando – impegnati in un ordinario servizio di prevenzione – ha notati i due fratelli a bordo di una Fiat Punto compiere manovre anomale, come se volessero eludere i controlli.

Inizia così il pedinamento e dopo qualche minuto i militari dell’Arma impongono l’Alt con la paletta: i due, a quel punto, iniziano una folle fuga in auto, anche contromano, per le vie del centro abitato. Scatta un pericoloso inseguimento, sotto gli occhi increduli di alcuni passanti. I due fuggitivi, ad un certo punto, abbandonano l’auto e proseguono la fuga a piedi. Ma dopo alcune centinaia di metri, vengono finalmente raggiunti e bloccati

Non oppongono resistenza. Durante l’immediata perquisizione, saltano fuori dalle tasche del giubbotto di uno dei due fratelli, due grossi “panetti” di “Hashish”, del peso complessivo di oltre un chilo. Dai primi accertamenti investigativi, la sostanza stupefacente, di ottima qualità, era pronta per essere tagliata e venduta nelle piazze dei paesi dell’area montana della provincia di Agrigento. La droga rinvenuta, posta sotto sequestro, avrebbe potuto fruttare complessivamente oltre 5.000 euro. I due fratelli sono stati ristretti agli arresti domiciliari