Fortitudo ti presento il tuo avversario: GIVOVA SCAFATI

di Michele Bellavia

Trasferta impegnativa quella che attende la Fortitudo Moncada Agrigento sul parquet del PalaMangano di Scafati contro la Givova.

Dopo una stagione difficile, passata nelle zone basse della classifica, e culminata con i playout che ne hanno decretato la permanenza nella serie A2, la Givova Scafati è tornata nei piani che contano, e con un mercato di spessore ha invertito la rotta.

Per la terza stagione consecutiva la squadra è allenata da coach Giovanni Perdichizzi. Soprannominato “lo sceriffo”, il coach di Barcellona Pozzo di Gotto ha grande esperienza e fama di vincente (65% di vittorie nella Lega 2); inoltre le sue squadre sono state sempre caratterizzate da una grande intensità difensiva, e non a caso Scafati è la terza miglior difesa del Girone Ovest (71.5 punti subiti).

Come abbiamo detto più volte dalle colonne di questa rubrica, il mercato degli americani è quello che di fatto può cambiare le sorti di una squadra, e Scafati nei ruoli chiave del roster ha pescato molto bene.

Dopo un’ottima stagione nei Roseto Sharks è arrivato Brandon Sherrod, ala forte-centro, classe ’92 (16 punti di media con quasi 10 rimbalzi a partita). Cresciuto cestisticamente nella prestigiosissima Università di Yale, è un giocatore che fa dell’applicazione difensiva e della presenza a rimbalzo il suo punto forte nonostante sia leggermente sotto misura (198 cm x 108 kg).

Il secondo colpo è stato Anthony Miles classe ’89 su cui c’era l’interessamento di diversi club europei. È un giocatore eclettico in grado di ricoprire sia il ruolo di playmaker che quello di guardia, anche lui ha fama di gran difensore e ha già numeri importanti con 21 punti di media, 5 rimbalzi e 3 assists.

Dopo l’esaltante stagione alla Virtus Bologna, è ritornato Gabriele Spizzichini, play-guardia, classe ’92. Giocatore di grande esperienza, è una pedina fondamentale del gioco espresso da coach Perdichizzi. Il pacchetto esterni comprende inoltre il capitano Nicholas Crow, guardia-ala classe ’89, con 9.5 punti di media (44% da tre), spesso decisivo nei momenti chiave della partita; Marco Santiangeli, ala classe ’91 (9.3 punti) e il giovane Emanuele Trapani, play classe ’99 proveniente dalla serie B. Poi ci sono Alex Ranuzzi, ala piccola, classe 1986 e il veterano Marco Ammannato, ala grande, classe ’88 che dalla panchina garantiscono qualità.

Scafati è una squadra in grado di avere diversi assetti durante la gara in base alle necessità e sicuramente darà filo da torcere alla Fortitudo Agrigento e il match di domenica sicuramente rappresenterà un significativo banco di prova per entrambe le compagini.

Probabile starting five: Miles, Spizzichini, Crow, Santiangeli, Sherrod.

Foto sito Basket Scafati 1969

Ultima modifica: 9 novembre 2017