Fogna nel mare di Agrigento, Procura apre inchiesta

Pubblicato 13/07/2012 » 19 Visualizzazioni» Da Redazione » Cronaca

La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta, per ora a carico di ignoti, sull’inquinamento del mare di San Leone e sul sistema di smaltimento dei liquami della frazione balneare agrigentina. Il sostituto procuratore Arianna Ciavattini, con il coordinamento del procuratore aggiunto Ignazio , ha conferito l’incarico di consulenza tecnica al professore Salvatore Sciacca del dipartimento di Igiene pubblica dell’Universita’ di Catania che dovra’ accertare tra le altre cose se i reflui liquidi provenienti dall’impianto fognario di San Leone e del Villaggio Peruzzo e immessi nelle condotte sottomarine vengano smaltiti secondo le modalita’ previste dalla legge e se siano causa di pregiudizio per la salute delle persone e per l’ambiente. C’è d’augurarsi adesso che l’incaricato adempia al suo compito senza lasciarsi condizionare. (AGI)

Annunci Google:

Condividi questo post
Sull’Autore

10 Responses to Fogna nel mare di Agrigento, Procura apre inchiesta

  1. Calogero says:

    era ora

  2. Eugenia says:

    Finalmente

  3. Roberta says:

    ma che schifo…

  4. Giuseppe says:

    E’ da una trentina d’anni che a luglio e in agosto riaffiora il problema della fogna nel mare di Agrigento……ed il resto dell’anno?

  5. Salvatore says:

    Non ci posso credere!!! Ma scusata in questa città esiste una Procura????

  6. Fox 48 says:

    Paradossalmente debbo ringraziare il mare “sporco” di S. Leone, mi ha dato la possibilità di spostarmi in altre spiagge che non sapevo neppure che esistessero, proprio a pochi chilometri dal capoluogo.Giusto per non fare pubblicità gratuita, diciamo. Giallonardo, Bovo Marina, Minoa….

  7. Siegheil says:

    da allievo del prof. Turi Sciacca mi compiaccio della scelta fatta dalla procura.

  8. Tano says:

    Ma Zambuto e Arnone dicono che il mare è pulito!!! E “se lo bevono pure” !!!
    Loro due sono meglio del consulente incaricaro e della Procura !!!
    Era ora che “si approfondisse”, sul serio!!

  9. Silvana da Torino says:

    Basta l’olfatto per accertare la nefandezza del mare sporco,basta uscire e annusare l’aria(?) e sentire l’inebriante e sempiterna puzza di fogna, uno dei consueti status delle mie estati sanleonine.Noto con dispiacere che niente e’ cambiato e che invece conviene cambiare spiagge…alla faccia del tanto proclamato turismo.Saluti accertati da Silvana.

  10. Maria Cristina says:

    Con notevole ritardo…
    Tutti gli anni si è parlato di mare inquinato (oltre che di spiagge sporche e non curate), e pure i ciechi vedono che il mare di San Leone è veramente sporco, ma dove vanno a farsi il bagno i nostri politici e la nostra procura???

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>